Scuole materne e nidi, quali restano chiuse | ANCI supporta i comuni, i sindacati in allerta - Tuttoggi

Scuole materne e nidi, quali restano chiuse | ANCI supporta i comuni, i sindacati in allerta

Redazione

Scuole materne e nidi, quali restano chiuse | ANCI supporta i comuni, i sindacati in allerta

Dom, 14/02/2021 - 15:57

Condividi su:


Il comitato di genitori "A Scuola" annuncia ulteriori azioni affinché le classi dei bimbi da 0 a 6 anni

E’ del 13 febbraio, la sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale Umbria che ha accolto il ricorso del comitato di genitori “A Scuola” dell’ordinanza regionale numero 14 del 6 febbraio nei punti in cui si disponeva l’interruzione sino al 21 febbraio di tutti i servizi socioeducativi per l’infanzia (0-6 anni), statali e paritari, dei comuni in zona rossa.

Una sentenza, che come si può immaginare ha creato varie reazioni a livello istituzionale.

Pronte le reazioni di alcuni comuni, come quello di Foligno e quello di Marsciano che hanno immediatamente firmato un’ordinanza sindacale per confermare la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado fino al 21 febbraio (come originariamente da atto regionale).

La riunioni con ANCI

La maggioranza dei sindaci invece ha preferito attendere la riunione con ANCI Umbria che si è tenuta oggi alle 12, per ottenere indicazioni e un confronto per una migliore valutazione della sentenza del Tar.

Anci Umbria ha messo a disposizione dei primi cittadini una consulenza legale (Avv. Giuseppe Caforio) e la realizzazione di una “ordinanza base per tutti i Comuni coinvolti nella zona rossa, contenente concetti uniformi ed elementi tecnici sanitari e giuridici, su cui, poi, ciascun Comune, nella pienezza della propria autonomia, potrà muoversi”.

Anci Umbria ha inoltre richiesto alla sanità umbra e alla Regione Umbria un documento che attesti la gravità della situazione, una relazione epidemiologica sull’attuale situazione Covid, a supporto di eventuali decisioni dei sindaci.

“A Scuola” annuncia ulteriori ricorsi

A seguito delle prime ordinanze comunali di ulteriore chiusura di nidi e materne il comitato di genitori “A Scuola” annuncia ulteriori azioni affinché le classi dei bimbi da 0 a 6 anni, come annunziato in una nota

“Apprendiamo da vari articoli di giornali e da notizie pubblicate su Facebook, che alcuni Sindaci dei Comuni umbri della Zona Rossa starebbero valutando la possibilità di emanare Ordinanze di chiusura dei servizi socio-educativi 0-6 anni, con decorrenza da domani, nonostante il Presidente del TAR UMBRIA Raffaele Potenza ieri abbia decretato la riapertura immediata degli asili nido e scuole dell’infanzia pubblici e paritari nei su detti Comuni.

Siamo inoltre a conoscenza che da ieri si stanno susseguendo numerose riunioni tra i Sindaci dei Comuni indette dall’Anci. Il Comitato “A scuola” informa che, qualora i Comuni non si adattassero al decreto del TAR, i genitori interessati sarebbero pronti ad impugnare eventuali Ordinanze Sindacali.

UIL Scuola Umbria “Personale in difficoltà”

In merito a questa situazione Uil Scuola Umbria segnala che “questa decisione, oltre a mettere la sanità umbra in ulteriore difficoltà, visti i casi di contagio in notevole aumento, e che la variante colpisce di più i bambini, mette in grossa difficoltà il personale di queste scuole.

Così Lucia Marinelli, segretaria regionale Uil Scuola Umbria. “Si sa, perché segnalato sin troppo spesso – prosegue Marinelli –, che i piccoli alunni non indossano le mascherine e che è pressoché impossibile mantenere le distanze, con grandi rischi per il personale docente e Ata.

Non è nel nostro interesse alimentare contrapposizioni con i genitori, con cui, anzi, condividiamo gli obiettivi educativi dei loro figli, in un quadro di comunità educante assolutamente prioritario. Riteniamo, pertanto, che sia importante un intervento delle istituzioni tutte, Regione e Comuni coinvolti, a garanzia del diritto alla sicurezza del personale e degli stessi piccoli studenti, e invitiamo i genitori a intervenire presso le stesse per ottenere dei provvedimenti che garantiscano sì il diritto allo studio dei propri figli, senza dimenticarci che la salute e la sicurezza è un bene primario per tutti i cittadini e i lavoratori, a cui noi, come sindacato, dobbiamo, prima di tutto, rendere conto”.

Le riaperture

Al termine della riunione con ANCI sono diverse i comuni che hanno deciso per la riapertura.

Comuni che prevedono la riapertura di nidi e materne

Comuni che prevedono la chiusura di nidi e materne

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!