Jazz is a (video) game, domenica concerto al Teatro Caio Melisso

Jazz is a (video) game, domenica concerto al Teatro Caio Melisso

Redazione

Jazz is a (video) game, domenica concerto al Teatro Caio Melisso

Ven, 12/11/2021 - 10:01

Condividi su:


Appuntamento imperdibile a Spoleto con un visionario e coinvolgente evento adatto a ogni fascia d’età

Ultimo appuntamento, nell’ambito della 45ª edizione del Roma Jazz Festival per il progetto interdisciplinare Jazz is a (video) game: dopo il grande successo all’Auditorium Parco della Musica di Roma e all’Auditorium M9 – Museo del 900 di Mestre della Young Art Jazz Ensemble diretta da Mario Corvini è la volta di Spoleto, dove domenica 14 novembre alle ore 18.00 si esibirà al Teatro Caio Melisso – Spazio Carla Fendi la Colours Jazz Orchestra diretta da Massimo Morganti.

Jazz is a (video) game è un concerto multimediale in cui l’ensemble si confronterà con i machinimas, opere che si situano all’incrocio fra videoarte, cinema sperimentale e animazione digitale open source, realizzate utilizzando frammenti e sequenze di celebri videogames – come GTA Gran Theft Auto, Flight Simulator, Traindrive, The Hunter, Chernobilyte, Backbone, The Longest Road on Earth. Il jazz, linguaggio atemporale che si sposta fluidamente da decennio a decennio, è sempre stato in grado di interpretare i cambiamenti sociali in atto, costantemente all’avanguardia nel relazionarsi di volta in volta all’innovazione tecnologica (il grammofono, il vinile, il cinema, i video), determinando un rapporto lungo e fecondo con le immagini e la dimensione visuale.

Le musiche sono state composte da alcuni componenti delle due orchestre, dal Corso di Musica Applicata del Conservatorio di Santa Cecilia e della Scuola di Alta Formazione la Saint Louis Music College. In questo preciso momento storico in cui giovani e giovanissimi musicisti si stanno liberando dal passato, portando avanti un approccio al jazz nel segno della leggerezza, le big band e le formazioni orchestrali sono sempre di più un luogo di progettualità e ricerca, uno strumento per diffondere la conoscenza di questo genere musicale e per coinvolgere i nuovi pubblici.

L’intero progetto è finanziato dal Ministero della Cultura, sostenuto dalla IMF Foundation e promosso da tre importanti realtà culturali: Visioninmusica, Roma Jazz Festival e Venetojazz, membri dell’Associazione Nazionale Jazz Italian Platform. Si avvale della consulenza dello scrittore, docente e direttore artistico del Milan Machinima Festival Matteo Bittanti e vede anche la partecipazione internazionale di importanti videomakers come Benoit Paillé, Jordy Veenstra, Riccardo Retez, Luca Miranda, Florian Krepcik, Ashford Philip Ciampà.

Costo d’ingresso: 2 euro.


Condividi su:


"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!