Esche avvelenate, in due giorni uccisi 2 cani | Sabbatini "Fenomeno incivile, va fermato" - Tuttoggi

Esche avvelenate, in due giorni uccisi 2 cani | Sabbatini “Fenomeno incivile, va fermato”

Redazione

Esche avvelenate, in due giorni uccisi 2 cani | Sabbatini “Fenomeno incivile, va fermato”

Il vicesindaco di Gualdo Tadino lancia l'allarme "Organizzare al più presto campagna di informazione e formazione"
Ven, 18/03/2016 - 09:45

Condividi su:


Fermiamo questi atti che definire incivili, disumani ed irresponsabili è poco”. L’appello è stato lanciato dal vicesindaco Gloria Sabbatini, all’indomani dell’ennesima uccisione di un cagnolino con esche avvelenate. Un fenomeno purtroppo in crescita, ma che deve essere fermato, come sottolinea la stessa Sabbatini.

Tra l’altro, l’ultimo episodio in ordine cronologico ha visto morire un cagnolino, il secondo in soli due giorni, in una zona dove questi bocconi killer possono essere stati utilizzati solo per crudeltà. Infatti l’avvelenamento non ha interessato parchi, giardini pubblici, spazi condominiali ma zone dove vivono colonie feline, aziende faunistico-venatorie, oasi naturali, parchi naturali, terreni agricoli coltivati e zone vocate alla ricerca del tartufo.

Questo è un dato ancora più grave perché significa che l’inciviltà, la cattiveria e la delinquenza di alcuni soggetti è ormai purtroppo dilagante. Uccidere atrocemente creature innocenti, animali domestici e selvatici, prima di tutto è un problema culturale e di civiltà – scrive il vicesindaco – sottolineando come qualcosa si è fatto, ma moltissimo ancora resta da fare: informare, divulgare, coinvolgere il più possibile, a partire dal mondo della scuola”.

L’avvelenamento di animali è sempre un comportamento irresponsabile ed illecito, oltre che penalmente rilevante, frutto soltanto di profonda ignoranza e cattiveria. Il rapporto uomo-animale-ambiente è stato più volte ripreso anche nel nostro programma amministrativo e per questo faremo tutto ciò che è nelle nostre possibilità per combattere e prevenire un fenomeno degno delle più profonde barbarie invitando i cittadini a collaborare, insieme a istituzioni ed enti interessati, a partire dalla Asl, per segnalare e sconfiggere queste atrocità. In questo senso l’idea è quella di organizzare una campagna di informazione e formazione trattandosi prima di tutto, lo ripetiamo, di un problema culturale di civiltà. Gualdo Tadino non può essere teatro di episodi spiacevoli come quanto è accaduto in soli due giorni invitando chiunque trovasse esche o bocconi, presumibilmente avvelenati, ad avvisare prontamente le Forze di Polizia o il Servizio Veterinario della USL competente per territorio

La presenza di veleni o sostanze tossiche rappresenta un serio rischio per la popolazione umana, in particolare i bambini, a causa della contaminazione ambientale, alcuni veleni rimangono nell’ambiente per tempi lunghissimi. Gualdo dice no a questa forma di atroce violenza – conclude il vicesindaco Gloria Sabbatini – Invito i gualdesi alla collaborazione, sia per scoprire i colpevoli di questi avvelenamenti ma anche per evitare che si ripetano questi episodi”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!