Conclusa con successo la mostra “Arte in terapia: 33 diagnosi d’artista” - Tuttoggi

Conclusa con successo la mostra “Arte in terapia: 33 diagnosi d’artista”

Redazione

Conclusa con successo la mostra “Arte in terapia: 33 diagnosi d’artista”

Mer, 08/08/2012 - 10:03

Condividi su:


Ha chiuso i battenti, con un grande successo, la mostra “Arte in terapia: 33 diagnosi d’artista” che si è svolta presso l’Ospedale San Matteo degli Infermi, Spoleto. Curata dal professor Alberto D’Atanasio, docente di Storia dell’Arte e Semiologia dei linguaggi non verbali, critico d’arte e dal dottor Nazzareno Miele, primario del Reparto di Medicina dell’Ospedale di Spoleto con la collaborazione del direttore sanitario Luca Sapori. La mostra è stata organizzata con il patrocinio della Provincia di Perugia, Comune di Spoleto, ASL3 Umbria e la collaborazione di Aglaia e Associazione per la lotta Contro il Cancro e la Futura Edizioni. Tappa successiva per le meravigliose opere l’Ospedale San Giovanni Battista di Foligno. Al termine del tour i quadri saranno messi all’asta ed il ricavato sarà devoluto alla Direzione Sanitaria dell’Ospedale di Spoleto per acquistare attrezzature sanitarie e mediche per migliorare la qualità dei servizi di diagnosi e cura. Gli artisti sono stati scelti tra personalità ormai celebri dalla storia dell’arte moderna: tra questi molti hanno partecipato alle Biennali di Venezia e alle mostre ufficiali del Festival dei due Mondi di Spoleto. “Questa mostra –ha affermato il critico Alberto d’Atanasio – è nata da un bel periodo di dialoghi e riflessioni sul senso e sugli obiettivi dell’arte moderna e contemporanea avvenuto tra appassionati, nelle sale e gli ambulatori della clinica ospedaliera Santa Matteo degli infermi di Spoleto. Gli obiettivi di un evento come questo sono stati essenzialmente tre e tutti di pari importanza, il primo è quello proprio di ogni mostra: l’esporre opere che siano testimonianza della tendenza storico artistica contemporanea, ma il secondo a mio parere più importante è stato quello con cui quest’evento si è voluto contestualizzare e realizzare. In effetti l’obiettivo caratterizzante questa mostra è stato certamente quello di portare opere d’arte nei corridoi dei reparti di degenza, là dove si vive una realtà di attesa e di cura. Ciò che si è voluto ottenere è il connubio tra l’energia della creatività e quella che anima le persone che si prendono carico delle difficoltà di altre, perché la qualità della vita di quest’ultime possa essere migliore. Tra le tante cose che non vanno e quelle che in questo nostro Paese è necessario cambiare, ve ne sono alcune che invece funzionano nonostante le difficoltà causate da una crisi economico politica senza precedenti come l’ospedale di Spoleto”

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!