Cassa integrazione in Ast | Azienda chiarisce "Speriamo sia una fase transitoria" - Tuttoggi

Cassa integrazione in Ast | Azienda chiarisce “Speriamo sia una fase transitoria”

Redazione

Cassa integrazione in Ast | Azienda chiarisce “Speriamo sia una fase transitoria”

Oltre mille lavoratori verranno messi a regime di cassa inegrazione per il calo degli ordinativi
Gio, 12/09/2019 - 19:46

Condividi su:


Dopo le ultime polemiche sugli oltre mille lavoratori in cassa inegrazione e la proclamazione dello sciopero in Ast, l’azienda ha ritenuto opportuno fare chiarezza su quanto sta accadendo all’interno dello stabilimento.  “Anche AST – si legge in una nota – come molte altre aziende, fa ricorso a questo ammortizzatore sociale ordinario, per il quale vengono regolarmente versati contributi all’ente previdenziale, ogni qualvolta vi siano variazioni significative nel volume degli ordini: è infatti già stata applicata da AST per tre settimane, tra dicembre 2018 e gennaio 2019, e in più occasioni negli anni 2016 e 2017″.

La “cassa integrazione ordinaria” viene normalmente richiesta per il periodo massimo di validità della autorizzazione rilasciata dall’INPS, pari a tredici settimane, e per il numero massimo di lavoratori ai quali potrebbe essere applicata, senza per questo volere significare che verrà utilizzata in modo così esteso.

“La recente apertura della “cassa integrazione ordinaria” – seguita la nota –  nasce da esigenze congiunturali quali l’aumento del prezzo del nichel, che ha determinato un momento di pausa negli ordinativi dei Clienti, i quali vogliono vedere che cosa succede nelle prossime settimane: ci auspichiamo che sia qualcosa di transitorio. Ed in ogni caso il ricorso alla “cassa integrazione ordinaria” da parte di AST sarà strettamente correlato alla riduzione del carico d’ordini. Detto tutto questo, l’obiettivo fondamentale di Ast, come di ogni impresa che guardi al futuro, è quello di mantenere e incrementare gli attuali livelli produttivi e occupazionali. Resta da chiarire un punto fondamentale: fino ad oggi il calo degli ordinativi  è stato il frutto di una concorrenza selvaggia, che arriva dai mercati asiatici, dove il costo del prodotto è notevolmente inferiore, a causa del basso costo dei salari dei lavoratori, della totale assenza di costi ambientali e di ogni tipo di tutela a difesa della salute dei dipendenti, nonché degli importanti aiuti pubblici a sostegno della siderurgia. Un segnale positivo, del quale valuteremo gli effetti nei prossimi mesi, arriva in questi giorni da Bruxelles, dove è stato stabilito di includere, a partire dal 1 ottobre, anche l’Indonesia nell’elenco dei Paesi in via di sviluppo soggetti alle misure di salvaguardia a tutela della produzione europea di alcuni prodotti siderurgici: fogli e nastri di acciaio inossidabile laminati a caldo, fogli e nastri di acciaio inossidabile laminati a freddo”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!