Ast Terni, 1200 lavoratori in cassa integrazione | Paparelli convoca tavolo in Regione - Tuttoggi

Ast Terni, 1200 lavoratori in cassa integrazione | Paparelli convoca tavolo in Regione

Redazione

Ast Terni, 1200 lavoratori in cassa integrazione | Paparelli convoca tavolo in Regione

Il presidente della regione critica l'azienda per le modalità con le quali è stata annunciata la notizia
Gio, 05/09/2019 - 13:04

Condividi su:


Cassa integrazione per 1200 lavoratori Ast, è quanto deciso dai manager per far fronte al calo degli ordinativi e dalla sfavorevole congiuntura economica mondiale che, con l’aggiunta delle politiche protezionistiche, non sta favorendo la produzione nelle acciaierie ternane. Preoccupato non solo nel merito della decisione dell’azienda, ma anche nel metodo, il presidente della Regione, Fabio Paparelli, ha convocato per lunedì 9 settembre, alle ore 15,30, nella sede della Giunta regionale di Palazzo Donini a Perugia, un Tavolo con le Organizzazioni sindacali.

“Apprendo con stupore e sconcerto che AST, a partire dal 30 settembre e per un periodo presumibile di 13 settimane, aprirà la procedura di cassa integrazione per una media settimanale di 1200 dipendenti – afferma Fabio Paparelli che oggi ha espresso direttamente all’ad di Ast, Massimiliano Burelli, il suo disappunto per le modalità  “non proprio improntate alla correttezza dei rapporti istituzionali” con cui è stata appresa la notizia.

“Al netto delle motivazioni addotte, che comunque determinano apprensione, – dice il presidente Paparelli – le modalità con le quali si è proceduto rischiano di produrre uno strappo, sia con le OO.SS, che con le Istituzioni, proprio in un momento di rinnovo del Governo e nel quale, riteniamo, sarebbe invece opportuno ricercare tutte le sinergie possibili evitando lacerazioni e conflitti sociali”.

“È evidente – ha aggiunto Paparelli – che la responsabilità sociale di impresa si esercita, soprattutto nel caso delle ‘Acciaierie’ che hanno segnato e speriamo continuino a segnare il destino e lo sviluppo di un’intera comunità, anche attraverso una formale correttezza dei rapporti che, obiettivamente, riteniamo in questo caso essere venuta meno”.

“Voglio esprimere – ha dichiarato inoltre Paparelli – la solidarietà e vicinanza alle maestranze che, ancora una volta, sono chiamate a sacrifici”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!