Baby gang, quasi tutti minori i protagonisti dei video choc tra armi, soldi e risse - Tuttoggi

Baby gang, quasi tutti minori i protagonisti dei video choc tra armi, soldi e risse

Davide Baccarini

Baby gang, quasi tutti minori i protagonisti dei video choc tra armi, soldi e risse

Sab, 26/02/2022 - 14:45

Condividi su:


Le indagini delle forze dell'ordine hanno anche portato a perquisizioni domiciliari, molti giovanissimi sarebbero già seguiti dai servizi sociali, altri appartengono anche a famiglie benestanti

Ci sarebbero ragazzi già seguiti dai servizi sociali ma anche figli di famiglie benestanti tra i membri delle cosiddette baby gang che, qualche settimana fa, hanno sconvolto l’Altotevere con alcuni video sui social a dir poco inquietanti.

Pistole, soldi e volti coperti, i “giochi” pericolosi delle baby gang

L’unico punto in comune – e ciò renderebbe i fatti ancora più preoccupanti – è che quasi tutti sarebbero minorenni (italiani e stranieri) residenti tra Umbertide e Città di Castello. Le indagini delle forze dell’ordine, ad oggi, avrebbero individuato molti, se non tutti, i protagonisti di quei filmati.

Paura sul treno, ragazzini bloccano convoglio con freno d’emergenza

Ovviamente gli inquirenti lavorano nella massima riservatezza, considerando anche che di mezzo ci sono giovanissimi ben lontani dalla maggiore età ma, a quanto pare, già avvezzi a maneggiare armi (nella foto un frame), sfogliare mazzi di banconote e fare mega risse nei parchi in cerca di vendetta nei confronti della banda rivale.

“Più controlli a Umbertide”, l’annuncio del Prefetto, baby gang finiscono su Rete 4

I carabinieri, in queste settimane, avrebbero effettuato anche numerose perquisizioni domiciliari sia ad Umbertide che a Città di Castello (con il conseguente choc dei genitori inconsapevoli), grazie alle quali sarebbero stati ritrovati numerosi oggetti (coltelli, pistole e perfino una katana) e indumenti (soprattutto i passamontagna usati per celare i volti) già “apparsi” nei video incriminati. A quanto pare non mancherebbero nemmeno sostanze stupefacenti.

In attesa di nuovi sviluppi, che potrebbero arrivare a giorni, tutto il materiale di indagine raccolto durante i controlli delle forze dell’ordine sarebbe ora in mano al Tribunale dei Minori di Perugia. Potrebbero fioccare decine e decine di denunce.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!