E' scomparso l'artista Jannis Kounellis, legato a Spoleto con il progetto "Viaggiatori sulla Flaminia" - Tuttoggi

E’ scomparso l’artista Jannis Kounellis, legato a Spoleto con il progetto “Viaggiatori sulla Flaminia”

Carlo Vantaggioli

E’ scomparso l’artista Jannis Kounellis, legato a Spoleto con il progetto “Viaggiatori sulla Flaminia”

Nel 1999, in occasione della 2^ edizione del progetto di Studio A'87, allestì l'altare presso la chiesa di S.Carlo Borromeo
Ven, 17/02/2017 - 10:04

Condividi su:


Jannis Kounellis è morto ieri, 16 febbraio, a Roma all’età di 80 anni. Il celebrato artista greco, fautore e maestro dell’Arte Povera, era nato al Pireo il 23 marzo del 1936.

A 20anni si trasferisce a Roma che diventa per lui una vera e propria scelta di vita. A Roma  studierà all’Accademia di Belle Arti con maestri del calibro di Mino Maccari, Franco Gentilini, Ferruccio Ferrazzi e, soprattutto, Toti Scialoja, che nel 1960 gli permetterà di realizzare la prima personale alla Galleria La Tartaruga, dove presenterà la famosa opera di alfabeti, numeri, simboli e frecce in nero dipinte su tela bianca.

Da sempre innamorato dell’arte in Italia si era più volte detto  affascinato da artisti del calibro di Caravaggio, Masaccio e Tiziano.

Più volte Kounellis finisce nel catalogo dei provocatori in arte (nel 1995 a Napoli in Piazza Plebiscito monta  delle bombole di gas su un pannello, munite di tubi a cannella) ma in realtà ciò che l’occhio stanco e non curioso, come sempre non comprende è la provocazione che produce stupore come quando nel 1969, dal  “solito” Fabio Sargentini, patron della Galleria L’Attico a Roma, espose 12 cavalli vivi per simboleggiare il contrasto eterno tra cultura e natura. Di certo Kounellis non è mai stato un artista Pop, come tanti se ne sono visti  ultimamente in giro. Il suo studio della materia è infinitamente più profondo del semplice accostamento di elementi spuri e di varia natura. Alla fine Kounellis non è mai stato un “montatore” di oggetti, ma un vero creatore di stupore e suggestione.

Jannis Kounellis ha avuto nella sua carriera di artista un forte legame con Spoleto grazie al progetto Viaggiatori sulla Flaminia promosso e ideato da Studio A’87 di Franco Troiani. Nel 1999, alla seconda edizione del progetto, Kounellis allestì l’altare presso la Chiesa di S.Carlo Borromeo, proprio in via S. Carlo (come testimoniano le foto allegate all’articolo).

Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!