Nocera Umbra, Comune condannato per le macerie del '97: "Ricorso"

Nocera Umbra, Comune condannato per le macerie del ’97: “Faremo ricorso”

Redazione

Nocera Umbra, Comune condannato per le macerie del ’97: “Faremo ricorso”

Gio, 15/04/2021 - 09:24

Condividi su:


Nocera Umbra, Comune condannato per le macerie del ’97: “Faremo ricorso”

Serviranno 2,5 milioni di euro per sanare la situazione

Macerie della ricostruzione del 1997 stoccate in un terreno privato, requisito all’epoca dalla prefettura di Perugia. Il Tar ha condannato il Comune di Nocera Umbra alla rimozione. “L’ennesima situazione che fronteggiamo in questi dieci anni per risolvere problematiche del passato e che incide pesantemente nei bilanci attuali del Comune.  Ma anche in questo caso ci metteremo il massimo impegno per risolvere la situazione, come già fatto per i tanti debiti fuori bilancio pagati, amministrando anche le difficoltà per creare un futuro migliore a tutti i nocerini”, ha detto il sindaco Giovanni Bontempi.

Il Comune di Nocera Umbra: “Agiremo per la tutela del territorio”

Continueremo ad agire come sempre per la tutela del territorio e dei cittadini – prosegue il Sindaco – ed abbiamo subito dato mandato al nostro legale per il ricorso alla sentenza del Tar”. Le macerie del sisma in località Casilini sono ancora stoccate dal 1997, su un terreno privato requisito all’epoca dalla prefettura di Perugia per l’emergenza.  Inizialmente il sito di stoccaggio era stato affidato con un apposito finanziamento ad un consorzio di imprese incaricate della rimozione delle stesse. I soldi stanziati non sono stati sufficienti alla rimozione di tutto il materiale presente e le ditte hanno abbandonato il sito.   

La cronistoria

Successivamente, nel 2005, il Comune appaltava ad una ditta privata il servizio di selezione cernita e smaltimento delle macerie presenti senza nessun corrispettivo se non la disponibilità di circa 30.000 mc di materiale lavorato già presente. La ditta negli anni successivi ha abbandonato il sito lasciandolo nello stato di fatto ancora visibile oggi. “Il Comune – fanno sapere dal Comune – dopo numerose diffide alla Ditta per la riconsegna del sito sgombro dalle macerie, non avendo avuto riscontri positivi, si è attivato giudizialmente per ottenere la condanna dell’impresa al pagamento delle somme necessarie al ripristino dell’area. Il procedimento è attualmente in corso“.

Una spesa di 2,5 milioni

Da rilevazioni sul sito – commenta il sindaco – si calcola una spesa presunta di circa 2,5 milioni di euro per il ripristino del sito ed è evidente che tale spesa non può essere sostenuta dal bilancio del Comune di Nocera Umbra. In questi ultimi anni il Comune si è nuovamente e più volte attivato nel richiedere fondi alla Regione dell’Umbria per procedere allo smaltimento delle macerie ancora presenti ma, ad oggi, ancora non si sono avuti riscontri positivi a tali richieste”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!