MERCATO COPERTO PERUGIA II° ROUND: COORDINAMENTO CENTRO STORICO FUORI DALLA CONFERENZA DEI SERVIZI - Tuttoggi.info

MERCATO COPERTO PERUGIA II° ROUND: COORDINAMENTO CENTRO STORICO FUORI DALLA CONFERENZA DEI SERVIZI

Redazione

MERCATO COPERTO PERUGIA II° ROUND: COORDINAMENTO CENTRO STORICO FUORI DALLA CONFERENZA DEI SERVIZI

Mer, 24/02/2010 - 09:05

Condividi su:


Entro anch'io? No, tu no. E perché? “È una scelta discrezionale dell'amministrazione. Loro scelgono chi invitare e noi non siamo stati invitati”. Così l'avvocato Urbano Barelli, presidente della sezione perugina di Italia Nostra ha spiegato a TO® perché il Coordinamento per il centro storico e in particolare Italia Nostra non è stata ammessa a partecipare alla Conferenza dei servizi, tenutasi ieri nella sala consiliare di Palazzo dei Priori a Perugia. L'ordine del giorno, ancora una volta, il progetto relativo al mercato coperto. Il secondo round per la verità, visto che una prima seduta si era tenuta nel mese di gennaio, non ha chiuso l'incontro perché pare che alla riunione di ieri ne seguirà un'altra. Un segnale che fa pensare ad un dibattito ancora aperto su un argomento così delicato, nonostante sia interesse di tutti porre rimedio alla situazione in cui versa attualmente la struttura: totale degrado.

Il piano dell'amministrazione comunale sembra stia funzionando: nella prima seduta si era presentato il progetto di Nova Oberdan s.p.a a Regione, Provincia, Soprintendenze, Asl, Comunità montana “Trasimeno – Medio Tevere” e Vigili del fuoco, senza trovare particolari opposizioni alla realizzazione di un centro commerciale presso il mercato coperto. Ipotesi sulla quale si è già pronunciata anche l'Autorità di Vigilanza sui contratti pubblici che ha prescritto all'amministrazione non solo l'obbligo di accorciare i tempi, ma soprattutto il monitoraggio del terreno della Rupe sul quale si andrà ad effettuare uno sbancamento di 87mila metri cubi. Tralasciando questi aspetti, sembra proprio che il progetto di riqualificazione firmato Nova Oberdan stia trovando la strada spianata. Se non fosse per il coordinamento per il centro storico che vorrebbe vederci più chiaro.

E ieri pomeriggio, una volta appurata l'esclusione dalla Conferenza dei Servizi, Urbano Barelli ha provveduto ad inviare una lettera ufficiale nella quale chiedeva al sindaco di Perugia di sollevare dall'incarico il dirigente Piergiorgio Monaldi, responsabile del project financing “Perché dimostra non conoscere la proposta di Nova Oberdan e all'Autorità di controllo sui contratti pubblici di sanzionare il Comune per l'eccessiva durata della procedura”.

L'Avvocato Barelli, con l'occasione, ha ribadito al sindaco Boccali il suo interesse verso la vicenda, specificando nella lettera di voler partecipare alla Conferenza dei servizi “per recuperare un rapporto di fiducia e collaborazione tra i cittadini e l'amministrazione comunale su un progetto particolarmente importante per la città”. In attesa di un riscontro in merito, il presidente di Italia Nostra ha rincarato la dose:”L'amministrazione ha rifiutato l'accesso alla riunione degli enti amministrativi e noi ne prendiamo atto, consapevoli del fatto che in altri Comuni, come Corciano, il sindaco convoca anche le associazioni per le conferenze dei servizi. E voglio sottolineare che alla nostra richiesta di essere invitati, il sindaco Boccali, ancora, nemmeno ci ha risposto”.

Al momento oltre ad insistere nel voler partecipare alla Conferenza dei servizi, le associazioni contrarie al progetto sul mercato coperto non possono far altro che tentare di avere la copia del verbale, informandosi sugli argomenti dibattuti per poi sferrare il nuovo attacco, se necessario.

Ultima notizia L’AFFONDO DI BOCCALI A ITALIA NOSTRA “OSTILE E NON COLLABORATIVA”

Articolo precedente: MERCATO COPERTO PERUGIA: E' CRISI TRA ASSOCIAZIONI E COMUNE (Foto e Video TO®)


Condividi su:


ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community
necrologi_perugia

    L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!


      trueCliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

      "Innovare
      è inventare il domani
      con quello che abbiamo oggi"

      Grazie per il tuo interesse.
      A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!