La Stancati avverte Mismetti: 'non si libererà facilmente di me' - Tuttoggi

La Stancati avverte Mismetti: ‘non si libererà facilmente di me’

Claudio Bianchini

La Stancati avverte Mismetti: ‘non si libererà facilmente di me’

Ecco la replica integrale dell'ex assessore al primo cittadino di Foligno I 'La risposta del dottor Mismetti mi fa ridere'
Gio, 03/11/2016 - 15:02

Condividi su:


“La replica del Dott. Mismetti? Sinceramente mi fa ridere, e l’unica nota positiva che rilevo è il fatto che almeno non si è perso tempo rispetto alla settimana che avevo messo in conto. Ad ogni modo tale comunicato non risponde a nessuno dei quesiti legittimamente posti al Dott. Mismetti che continua a trincerarsi dietro fantomatiche ‘questioni esclusivamente politiche’ senza dare minimamente conto dei criteri che l’hanno indotto a revocarmi le deleghe”.

Così l’ormai ex assessore del Pd replica al comunicato stampa diffuso dal primo cittadino a seguito delle questioni sollevate dalla stessa Stancati in una precedente conferenza stampa.

“Il vero dubbio – continua l’avvocato Stancati – riguarda soprattutto i criteri di scelta operati dal Dott. Mismetti. Perché un esponente del partito democratico? Ed ancora: poiché gli assessori Dem. erano 6 come è giunto al mio nominativo? Questione di consenso? Non credo, c’è tra gli assessori chi ha ottenuto molti meno voti dei miei 408. Questione di competenze e preparazione? Sono convinta di no. Questione di venir meno del rapporto fiduciario? Lo escludo categoricamente. Nel tempo mi ha addirittura accresciuto le deleghe. Quesiti e dubbi che moltissime persone, oltre alla sottoscritta, in questi giorni si stanno ponendo e dinanzi ai quali non si può prendere la solita via della fuga, utilizzando argomentazioni banali tipiche di una politica demodè che non piace oramai più a nessuno ed in cui, anche i democratici di Foligno, non hanno potuto esprimere la loro voce ed opinione essendo venuto a mancare un qualsivoglia dibattito sul punto. Forse il Dott. Mismetti pensa di essere il primo cittadino solamente di qualche politico della ‘sudata’ maggioranza di governo e non di 60.000 folignati che chiedono di sapere come amministra ed ai quali è obbligato a dare conto, di questa e di altre scelte. Prendo inoltre atto che il Dott. Mismetti ha confermato l’invio dell’sms senza, naturalmente, svelarne il reale contenuto né, tantomeno, la risposta della sottoscritta. Tuttavia, per questo, ci sarà tempo. Mi domando cosa i cittadini di Foligno dovrebbero trarre dalle parole del Dott. Mismetti. Che è corretto liquidare con un sms un assessore che per 2 anni e mezzo ha prestato servizio nell’Amministrazione senza averci mai parlato prima, avuto notizia da un ‘comune conoscente’ che tale assessore era a Roma per motivi professionali? Ogni commento a queste dichiarazioni pare davvero superfluo! Spero almeno che un primo cittadino, così tecnologico e moderno, abbia avuto la curiosità di leggere sui social network cosa realmente pensano le persone del suo modo di fare e come si siano espresse sulla sua persona in merito a questa vicenda. Credo ci sia da fare una profonda riflessione: molti folignati hanno alacremente dissentito, esprimendo colorito disappunto, sull’azione del Dott. Mismetti, evocando addirittura infauste epoche passate ed auspicando un immediato e dovuto chiarimento. Tuttavia il Dott. Mismetti si è volutamente sottratto all’incontro pubblico che gli avevo cortesemente sollecitato, ritenendo di non dover dare spiegazioni, dimostrando che le sue decisioni non meritano il contraddittorio della città, evidenziando di non aver nulla, ma proprio nulla, da dire. E’ vero, il compito del Dott. Mismetti ‘è quello di amministrare la città affrontando le tante problematiche da risolvere’, ma lo faccia nel rispetto assoluto e preminente di chi lo ha legittimato al ruolo di Sindaco e nella condivisione delle decisioni che devono essere frutto di un’azione politica saggia, corretta ed efficace senza mai più rappresentare scelta di comodo per provare a farcela. Per il resto, come si direbbe in consiglio comunale all’esito di una interrogazione la cui risposta è poco convincente, non sono per niente soddisfatta. Purtroppo, grazie al Dott. Mismetti, ora non sono più neanche un consigliere comunale, essendomi dovuta dimettere da quel ruolo per nominarmi suo assessore fiduciario. Tuttavia il Dott. Mismetti non si libererà facilmente di me, visto che anche io, come lui, ho a cuore la corretta ed onesta amministrazione della città e soprattutto il bene dei suoi cittadini, per i quali continuerò a prestare servizio con iniziative ed atti concreti.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!