Immissione trote, la soluzione forse nel Nucleo del MiTe

Immissione trote, la soluzione forse nel Nucleo del MiTe

Massimo Sbardella

Immissione trote, la soluzione forse nel Nucleo del MiTe

Gio, 31/03/2022 - 19:05

Condividi su:


Gallinella: al Ministero si può trovare una risoluzione positiva | La Lega chiede di seguire l'esempio delle Marche

Immissione di trote nei corsi d’acqua dell’Umbria, la soluzione forse nel Nucleo del MiTe. Questa la possibile soluzione al problema della mancata immissione di trote a causa dei rigiri paletti inseriti nella Carta ittiogenica della Regione Umbria, prospettata dal presidente della Commissione agricoltura della Camera, Filippo Gallinella.


Immissione trota atlantica,
altro stop dal sottosegretario


Interessato dal braccio di ferro tra associazioni della pesca sportiva e Regione (e tra i consiglieri della Lega e l’assessore azzurro Morroni), Gallinella chiarisce: “Esiste un divieto di immissione di specie ittiche non autoctone – come le suddette trote – sancito da un provvedimento del Presidente della Repubblica, il numero 8 del settembre 1997, n. 357.Per valutare le questioni ambientali, tenendo anche conto di tanti fattori, è istituito presso il Ministero della Transizione ecologica un Nucleo di ricerca e valutazione. Tenuto conto dei lavori – aggiunge – il Nucleo è chiamato a valutare le specie ittiche d’acqua dolce di interesse alieutico riconosciute come autoctone per regioni o per bacini”.

“La nostra Regione dovrà chiarire ogni aspetto tecnico. Il mio auspicio è quello di una risoluzione positiva” è il commento di Gallinella.

La Lega e l’esempio Marche

Nell’incontro a Roma con il sottosegretario Gava, la Regione aveva ricevuto una risposta nel senso più restrittivo della normativa, nonostante la moratoria inserita nel Milleproroghe. La Lega, in Umbria, chiede però di seguire l’esempio delle Marche, che stanno immettendo trote atlantiche.

Le trote che rischiano di andare al macero

In Umbria addirittura sono presenti trote – 70 quintali – all’impianto ittiogenico di Borgo Cerreto che sono state inizialmente classificate come non abbastanza “pure” come autoctone (il limite è fissato al 98%) e che quindi rischiano di essere mandate al macero.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!