Ex Fcu allo sbando, chiude tratto Città di Castello-Umbertide | Guasticchi "Inaccettabile" - Tuttoggi

Ex Fcu allo sbando, chiude tratto Città di Castello-Umbertide | Guasticchi “Inaccettabile”

Redazione

Ex Fcu allo sbando, chiude tratto Città di Castello-Umbertide | Guasticchi “Inaccettabile”

Da lunedì 7 settembre le carrozze altotiberine potrebbero fermarsi a lungo per lavori di ristrutturazione | Gli interventi di Giulietti e Bacchetta
Ven, 04/09/2015 - 19:36

Condividi su:


Si fa sempre più insistente l’ipotesi della chiusura, a partire da lunedì prossimo (7 settembre), del tratto della ex-Fcu da Città di Castello ad Umbertide per i fantomatici lavori di ristrutturazione e messa in sicurezza della stessa rete ferroviaria. Una decisione, quest’ultima, che di fatto, oltre a penalizzare ulteriormente pendolari e studenti che ogni giorno usufruiscono di questo servizio di mobilità, potrebbe preludere ad un disimpegno dei progetti annunciati di ammodernamento e potenziamento dell’intera rete ferroviaria.

Occorre convocare subito un tavolo istituzionale con i soggetti interessati e coinvolgere i sindaci dell’altotevere per scongiurare l’ipotesi di depotenziamento del traffico su rotaia fondamentale per tutta la regione”.

E’ quanto dichiarato dal vice-presidente dell’assemblea legislativa Marco Vinicio Guasticchi, che sulla questione annuncia iniziative istituzionali “forti e decise a riportare al centro della programmazione regionale e nazionale lo sviluppo e la salvaguardia della ex-Fcu in termini di risorse e progetti di rilancio certi”.

Ulteriori ritardi, disservizi e mancata manutenzione – aggiunge l’ex presidente della Provincia – non possono ancora ricadere sull’utenza del servizio di trasporto ferroviario, per molti cittadini unica possibilità per raggiungere i luoghi di lavoro e le scuole”.

———–

Sull’argomento è intervenuto anche l’On.Giampiero Giulietti: “Le voci insistenti di una possibile chiusura, su richiesta dell’Ustif, della tratta ferroviaria Umbertide-Città di Castello-San Sepolcro, perché non garantirebbe agli utenti i requisiti minimi di sicurezza, stanno diventando una triste realtà. Considerato che già in questi mesi la tratta ha subito un rallentamento della velocità a 50 km/h, e che, sempre per ragioni di sicurezza, da oltre un anno e mezzo risulta chiusa la tratta San Gemini-Cesi, dobbiamo domandarci perché non sia stata fatta la necessaria manutenzione e si sia aspettato che la linea si riducesse in tali condizioni. E’ inaccettabile che si debba sopportare un tale disservizio considerando che la ex Fcu è un patrimonio della collettività, un servizio indispensabile per l’Umbria, essendo l’unica direttrice che attraversa longitudinalmente la regione. L’attuale situazione non è più sopportabile; è quindi necessario capire da subito se ci siano le risorse per la manutenzione, quando si potrà intervenire e di chi sia la responsabilità di tale situazione”.

“Conoscendo bene le vicende della ferrovia, – aggiunge Giulietti – avendole seguite nel tempo da amministratore, da parlamentare e anche da utente, so che non si può abbassare la guardia se vogliamo che la ex Fcu continui a svolgere il ruolo strategico che ha avuto in passato per la regione. È quindi necessario affrontare la situazione insieme, in accordo con l’istituzione regionale, e se necessario, sottoporre la questione anche all’attenzione del Governo e del Ministero competente. La ex Fcu dovrebbe essere la nostra metropolitana di superficie e non possiamo pensare di sostituire il servizio offerto agli utenti con qualche corsa di autobus; si tratta di una risorsa preziosa per l’Umbria che abbiamo il dovere di salvaguardare nell’ interesse dei cittadini”.
————-
Nel primo pomeriggio di sabato 5 settembre sono arrivate anche le dichiarazioni sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta: Ci è arrivata comunicazione dagli uffici preposti della sospensione del transito ferroviario lungo la tratta Città di Castello-Umbertide della ex Fcu e insieme al sindaco di Umbertide abbiamo chiesto un incontro urgente per verificare l’attuale situazione, che crea un indubbio disagio a decine e decine di persone che, per motivi di studio o di lavoro, si recano a Perugia”.

Il primo cittadino ha poi sottolineato che “la ex Fcu, pur con tutte le note difficoltà, è un patrimonio della nostra comunità, che non può essere trascurato o dismessoChiederemo con grande determinazione certezza e chiarezza relativamente ai tempi di ripristino della tratta ferroviaria che ci riguarda”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!