Crisi, Spi-Cgil Spoleto "Non se ne esce senza equità a giustiia sociale" - Tuttoggi.info

Crisi, Spi-Cgil Spoleto “Non se ne esce senza equità a giustiia sociale”

Redazione

Crisi, Spi-Cgil Spoleto “Non se ne esce senza equità a giustiia sociale”

Ven, 13/01/2012 - 13:00

Condividi su:


di Alessandro Raspa (*)

Per affrontare la crisi economica e finanziaria in cui versa da molto tempo il nostro paese per precise responsabilità del governo precedente, si chiedono ai cittadini italiani nuovi sacrifici e un patto fondato sul rigore e l’equità. Si è sostenuto che i sacrifici avrebbero riguardato tutti e che chi aveva di più doveva pagare di più, ognuno in base alle proprie condizioni e al proprio reddito. Nella manovra che viene imposta al paese manca, invece ,un chiaro e concreto segno di equità ,il rigore è a senso unico e la giustizia sociale è inesistente. Non è equo far pagare il costo della crisi a tantissimi pensionati, bloccando la già esigua rivalutazione economica. Un sacrificio che si trascinerà per tutta la loro vita. Non è equo allungare l’età di accesso alla pensione a milioni di donne e uomini già duramente colpiti dalla crisi che sono senza lavoro e senza ammortizzatori sociali che li tutelino. Non è equo penalizzare quei lavoratori che dopo oltre 40 anni di lavoro faticoso si vedono ledere un diritto e penalizzare la loro pensione solo perché hanno iniziato il lavoro da giovanissimi. Non è equo lasciare i giovani senza lavoro e in una condizione di continua precarietà.

Perché tanta reticenza nel definire una patrimoniale in grado di intervenire sulle grandi rendite finanziarie e grandi patrimoni? Perché continua ad essere così modesto il prelievo sui capitali scudati? Perché non si contrasta seriamente l’evasione fiscale? Perché non si interviene sugli sprechi sui settori protetti e sui veri privilegiati? Perché è così faticoso ridurre i costi della politica?

Noi generazione di uomini e di donne a cui i sacrifici sono sempre stati imposti chiediamo a voi di rispondere a tutto questo perchè pretendiamo un paese che dia lavoro, un futuro per i giovani, serenità per gli anziani e un welfare basato sulla giustizia” Dalla crisi si esce solo con più equità e meno sacrifici scaricati sui soliti noti. Lo SPI-CGIL, che rappresenta milioni di pensionate e pensionati, non starà fermo a guardare e a subire ma continuerà a combattere affinché l’Italia diventi un paese migliore, più giusto e più equo.

(*) Segretario Spi-Cgil Spoleto

ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community

L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!


    trueCliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Grazie per il tuo interesse.
    A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!