Coronavirus, il dottor Patoia: "Covid hospital attrezzati, stop campanilismi"

Coronavirus, il dottor Patoia: “Covid hospital attrezzati, stop campanilismi”

Redazione

Coronavirus, il dottor Patoia: “Covid hospital attrezzati, stop campanilismi”

Lun, 19/10/2020 - 20:54

Condividi su:


Coronavirus, il dottor Patoia: “Covid hospital attrezzati, stop campanilismi”

Aprire bocca e dargli fiato“ aumenta solo il rischio di trasmissione del SARS-COV-2“. Il dottor Lucio Patoia, primario di medicina interna all’ospedale di Foligno, conclude con una battuta il suo sfogo social sulla sanità e sulla gestione del Coronavirus.

I sacrifici contro il Coronavirus

A Foligno area COVID della Medicina Interna: in 5 giorni 13 ricoveri in area COVID, 2 di questi intubati e trasferiti in una delle rianimazioni COVID della Regione, turni notturni triplicati e, a rotazione , quadruplicati, due fine settimana su 4 impegnati. Gli infermieri non fanno riposi – dice – le ferie non possono essere concesse nè ai medici nè agli infermieri, ci si augura che nessuno dei figli in eta scolare ( e ne hanno tutti ) ci si ammali o vada in quarantena perché salterebbero i turni ; una dottoressa che lavora nello staff che dirigo ha pagato il tampone eseguito privatamente alla figlia per accelerare i tempi e non mancare al lavoro. Si lavora per ore sempre vestiti come astronauti , si suda e si appannano le visiere , si rischia quotidianamente di infettarci“.

Covid Hospital dove ci sono caratteristiche adeguate

A marzo eravamo eroi, adesso nessuno parla più di noi , ma per molti versi meglio così. Però almeno due richieste: Basta parlare della pandemia sulla base della fazione politica; ci sono i dati e basta leggerli; non c’è bisogno che li interpreti tizio che dice che il governo fa terrorismo o caio che dice che l’opposizione è negazionista. Basta con il chiedere affannoso che gli ospedali o le aree COVID si facciano da qualsiasi parte purché non sia quella dove si risiede. almeno vogliamo riconoscere che siamo tutti umbri ? E vogliamo ricordarci che il nemico è comune ed è il virus? O vogliamo fare come con le discariche o come hanno fatto alcuni alberghi con i disabili? Sarebbe auspicabile che tutti chiedessero di fare le aree COVID negli ospedali dove le caratteristiche organizzative e di personale consentono di ottimizzare l’assistenza ai malati COVID , pur mantenendo, per quanto è possibile, le attività assistenziali non-COVID. Continuare a prendersela perché l’ospedale della propria città è sede di area COVID è anche offensivo per i medici, gli infermieri e tutti quelli che vi lavorano, che rischiano la salute per tutti i malati di COVID umbri , siano di quella città o no. La battaglia contro il COVID la si combatte seriamente nelle strutture sanitarie pubbliche con dati, protocolli scientifici, professionalità ed umanità”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!