Torna il weekend della Festa al Prato, presentata la XVII edizione

Torna il weekend della Festa al Prato, presentata la XVII edizione

Dal 1 al 4 settembre via alle “movimentate” Giornate dell’Artigianato Storico | Il ricavato dei coperti di quest’anno andrà alle popolazioni terremotate

Conto alla rovescia per le attese Giornate dell’Artigianato Storico, meglio note come Festa al Prato, giunta quest’anno alla sua 17^ edizione. A presentare in Comune la quattro giorni, che avrà luogo da giovedì 1 a domenica 4 settembre, il vicepresidente della società rionale Prato Luigi Bartolini, il primo cittadino Luciano Bacchetta e il vicesindaco e assessore alla Cultura Michele Bettarelli. 

Ci ha pensato Bartolini ad illustrare il programma dell’evento, anticipando che sarà un’edizione in nome della solidarietà ai terremotati: il ricavato dei coperti delle taverne ed il contributo dell’organizzazione rionale andranno infatti alle popolazioni devastate dal recente sisma.

DSCF7666Si comincia giovedì 1 settembre, dalle 19.30, con gli spettacoli di fuochi e danze medievali nelle vie del rione; venerdì 2 settembre, dalle 19.30, ci sarà l’apertura delle taverne, nello specifico quelle Del Cassero, la Cannoniera, Del Gatto, Boccon di Vino, Dei Mestieranti e il Forno, e delle botteghe artigiane, che rimarranno aperte anche nella mattina di sabato 3, quando le taverne apriranno anche a pranzo dalle ore 12.30. L’inaugurazione si terrà intorno alle 16.30 in Piazza del Garigliano, una delle sedi delle Giornate dell’Artigianato insieme a via dei Casceri, via San Florido (parte finale), via Cesare Battisti, via Santa Caterina e via della Cannoniera, dove saranno presenti tra i 40 e i 50 mestieri. Domenica 4 settembre, alle 10, la messa nella Chiesa di Santo Spirito e nel pomeriggio, alle 17, il corteo storico partirà da Piazza Gabriotti (luogo “recuperato” a discapito della parte iniziale di via San Florido) dove tornerà, dopo aver attraversato il quartiere, per assistere allo spettacolo dei Balestrieri e al torneo di Balestra manesca.

Trattandosi di un evento a sfondo rievocativo, tante sono le collaborazioni attivate tra i gruppi storici: dai Cavalieri dell’Arma antica ai balestrieri e ai tamburini della Compagnia di Città di Castello, fino al gruppo danze ‘Il Lauro’ di Sansepolcro e all’Accademia Creativa, che ha un corso specifico di giocoleria e arte di strada. A rotazione, le vie del rione saranno animate da spettacoli itineranti con protagonisti mangiafuochi, giullari, musici, trampolieri, saltimbanchi, menestrelli e pittori estemporanei.

Bartolini, che ha ringraziato tutti i volontari, “pilastri dell’evento”, e salutato il presidente onorario Giulio Cesare Cesarotti, ha annunciato che ci sarà un servizio di vigilanza interno con una supervisione delle forze dell’ordine. “Chi avrà la peggio sono i residenti – ha detto il vicepresidente – che per quattro giorni devono convivere con una festa, che in quanto tale, porta con sé un surplus di movimento e di rumore.

Il sindaco Luciano Bacchetta ha sottolineato come “l’Amministrazione comunale abbia investito molto nella festa e nel quartiere con lavori pubblici di ristrutturazione poderosi, perché valorizzare il Prato significa difendere l’identità di Città di Castello, di cui le Giornate dell’Artigianato storico esprimono lo spirito creativo e storico”. Bettarelli ha invece definito la festaun unicum da salvaguardare e far crescere” in equilibrio e a mantenere il patrimonio di volontari e di competenze accumulate negli anni”.