Violenza sulle donne, c'è il nuovo Centro: "Aumento casi in lockdown"

Ecco il nuovo Centro contro la violenza sulle donne: “Casi in aumento con il lockdown”

Redazione

Ecco il nuovo Centro contro la violenza sulle donne: “Casi in aumento con il lockdown”

Mer, 25/11/2020 - 15:02

Condividi su:


Ecco il nuovo Centro contro la violenza sulle donne: “Casi in aumento con il lockdown”

Aumentano, nella fase di lockdown, i casi di violenza sulle donne, diminuiscono le denunce ma non gli interventi. Sono i numeri presentati dall’assessore Paola De Bonis, insieme al maggiore Alessandro Pericoli Ridolfini dei carabinieri e agli ispettori di polizia Mirko Piermatti e Rossano Bonamente, alle dirigenti comunali che hanno seguito il percorso e alle responsabili dell’associazioneLiberamente donna‘, in occasione della presentazione ufficiale del nuovo Centro antiviolenza di Foligno.

Il Centro antiviolenza in via dei Molini

La struttura, in via dei Molini, è operativa cinque giorni su sette, il lunedì dalle 9 alle 14, il martedì dalle 14 alle 18, il mercoledì dalle 15 alle 18, il giovedì dalle 9 alle 15.30 e il venerdì dalle 9 alle 12. La mail è centroantiviolenzafoligno@gmail.com e il numero di telefono, disponibile h24 è il 3892114733.

I dati della violenza sulle donne

Nello specifico, i dati presentano un aumento dei casi per la zona sociale 8: da gennaio a maggio le donne che si sono rivolte al Centro antiviolenza, sono state 17, arrivando ad un totale di 82 dall’inizio del servizio (2018) e 77 colloqui calendarizzati. Da giugno al 15 novembre 19 le donne accolte, per 101 donne accolte dall’inizio e 101 colloqui calendarizzati. “Finalmente – ha spiegato l’assessore De Bonisè stata ultimata a procedura di assegnazione del centro all’associazione Liberamente donna. Un centro che nasce come rete interistituzionale per il contrasto alla violenza grazie ad un avviso pubblico della Regione emanato a novembre 2019, al quale abbiamo risposto“. Il progetto unisce la Zona sociale 8, il Centro per le pari opportunità, la Usl Umbria 2, le forze dell’ordine e la Prefettura. “I centri sarebbe bello chiuderli – ha della De Bonisperché significherebbe che non ci sarebbe più bisogno, però in questo quadro è un servizio“.

Violenza sulle donne, la scelta del nome del Centro alle scuole

Il nome e il logo ancora non sono stati scelti. Toccherà agli studenti degli istituti superiori folignati, nel momento in cui si tornerà a scuola in presenza, cimentarsi con un concorso di idee.

“Reati infrafamiliari, denunciate sempre”

Da tutti l’allarme alla sensibilizzazione. “Sono reati infrafamiliari e quindi difficili da prevenire. Il consiglio che possiamo dare – ha detto Pericoli Ridolfini – è quello di rivolgersi il più possibile alle forze dell’ordine che altrimenti non possono scoprire il reato e tutelare la vittima. Fondamentale, in questo senso, l’informazione nei confronti delle nuove generazioni”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!