Vaccini, così ai 37 mila umbri guariti dal Covid

Vaccini, così ai 37 mila umbri guariti dal Covid

Massimo Sbardella

Vaccini, così ai 37 mila umbri guariti dal Covid

Dom, 07/03/2021 - 11:20

Condividi su:


Vaccini, così ai 37 mila umbri guariti dal Covid

Le indicazioni del Ministero della Salute: 1500 umbri contagiati nella prima ondata probabilmente non più immuni, per gli altri può bastare una dose

Vaccini, ecco le scelte per gli oltre 37 mila umbri che sono stati infettati dal Covid e che sono guariti. La Regione Umbria, come ha spiegato il commissario Covid Massimo D’Angelo, intende seguire pienamente la circolare del Ministero della Salute, che recepisce l’indicazione firmata dal direttore generale della Prevenzione Gianni Rezza.

Una sola dose di vaccino ai guariti, ecco quando

Un documento che parte dal presupposto che chi è guarito dal Covid ha prodotto anticorpi naturali, dei quali però non si conosce ancora bene la permanenza nel tempo, comunque limitata. Pertanto il Ministero dà il via libera alla somministrazione di un’unica dose di vaccino anti-Sars-CoV-2 nei soggetti con pregressa infezione, “purché la vaccinazione venga eseguita ad almeno tre mesi di distanza e preferibilmente entro i sei mesi dalla stessa“. E questo indipendentemente dalla portata dei sintomi, tanto da comprendere anche i contagiati asintomatici guariti (purché, ovviamente, con infezione certificata dal tampone).

Restano le due dose del vaccino per le persone immunodepresse.

L’Umbria: solo il 10% del vaccino Astrazeneca lasciato
di scorta, l’ok del generale Figliuolo alla strategia

I numeri in Umbria

In Umbria le persone che hanno contratto il Covid in questo anno e che sono guarite sono 37677. In 7425 risultano infatti ancora positivi, mentre 1095 contagiati sono deceduti.

L’Istat: mai così tanti morti dal Dopoguerra

Ipotizzando di dover fotografare la situazione dei guariti all’8 marzo (in attesa degli ultimi dati dalla protezione civile), gli umbri che hanno battuto il Covid nei tre mesi che vanno dall’8 settembre all’8 dicembre sono 17643. Occorre infatti escludere, secondo le indicazioni della circolare del Ministero, i 1478 umbri guariti più di 6 mesi fa (e forse non più immuni) e le oltre 18.500 persone che sono guarite meno di tre mesi fa.

Ovviamente, seguendo le normali priorità dovute alla fascia di età ed al lavoro svolto, i 3 mesi “utili” per eliminare la seconda dose di vaccino si spostano caso per caso.

Covid, “4 mesi per vaccinare l’85% degli umbri”
(se arrivano i vaccini)

L’incognita varianti

C’è poi da considerare l’incognita varianti. Che hanno iniziato a circolare diffusamente in Umbria e poi nel resto d’Italia. Non conoscendo ancora bene la risposta dei vaccini alle varianti (al momento, piena efficacia su quella inglese, un po’ ridotta su quella brasiliana e soprattutto sulla sudafricana), nella circolare si avverte che “le raccomandazioni potrebbero essere oggetto di rivisitazione qualora dovessero emergere e diffondersi varianti di Sars-CoV-2 connotate da un particolare rischio di reinfezione“. 

L’Iss: l’Umbria epicentro della variante brasiliana

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!