L'Istat, 2020: mai così tanti morti dal Dopoguerra | I dati dell'Umbria

L’Istat, 2020: mai così tanti morti dal Dopoguerra | I dati dell’Umbria

Massimo Sbardella

L’Istat, 2020: mai così tanti morti dal Dopoguerra | I dati dell’Umbria

Ven, 05/03/2021 - 14:32

Condividi su:


L’Istat, 2020: mai così tanti morti dal Dopoguerra | I dati dell’Umbria

Gli effetti del Covid certificati dai numeri: nella regione nell'ultimo anno decedute 11.131 persone, il 5,5% della media dei precedenti 5 anni

Mai così tanti morti in Italia, dal Dopoguerra, come nel 2020. Lo certifica l’Istat, che ha pubblicato i dati definitivi sui decessi in Italia. Oltre 746 mila le persone decedute nell’anno che si è concluso, il 15,6% in più rispetto alla media dei 5 anni precedenti. Decessi registrati indipendentemente dalle cause, ma sulle quali pesa fortemente il Covid, ufficialmente responsabile di 75891 morti fino allo scorso dicembre. Un’incidenza alta, considerando anche che nei mesi di gennaio e febbraio (prima dunque che venissero scoperti casi Covid in Italia, anche se il virus circolava da tempo nella penisola) si era registrata una contrazione dei decessi del 6,1%.

In Umbria complessivamente sono decedute 11.131 persone. Nei cinque anni precedenti la media era stata di 10.454 l’anno. Una crescita del 5,5%. Su cui pesano le 610 vittime per Covid. Anche se, su questo dato, continuano ad essere espresse diverse valutazioni circa le concause su una quota di decessi. Il mese peggiore è stato novembre con 886 vittime complessivamente in provincia di Perugia (+46,8% rispetto alla media dei 5 anni precedenti) e 344 nel Ternano (+49,2%).

E se nel numero di decessi il Covid può anche aver pesato indirettamente (ad esempio per le minori cure prestate a qualche soggetto), è anche vero che nei mesi del lockdown totale si sono ridotte le morti per incidenti stradali.

Insomma, gli effetti nefasti del Covid sono evidenti, numeri alla mano, in Italia e in Umbria. Nel Cuore verde d’Italia, poi, i primi mesi del 2021, con la terza ondata caratterizzata dalla circolazione delle varianti nel Perugino, ha ulteriormente aggrevato la triste conta dei decessi, arrivata a 1075.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!