Università per Stranieri, bando per studenti | Si rafforza la cooperazione Italia-Tunisia

Università per Stranieri, bando per studenti | Si rafforza la cooperazione Italia-Tunisia

La selezione per 10 giovani aspiranti esperti in processi transnazionali euro-mediterranei | Scadenza al 28 settembre


share

Una selezione per 10 studenti, 5 italiani e 5 di origine tunisina, aspiranti esperti in processi transnazionali euro-mediterranei per l’internazionalizzazione e per la cooperazione Italia – Tunisia. Il bando è stato pubblicato sul sito dell’Università per Stranieri di Perugia e vi sarà possibile applicare entro il 28 settembre. Sul sito dell’Università sono disponibili sia il bando che tutti i documenti utili all’applicazione form.

IL BANDO

Il progetto, realizzato con il contributo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, consentirà ai 10 giovani selezionati di frequentare gratuitamente nel periodo ottobre 2018 – marzo 2019:

  • un corso professionalizzante della durata di 4 settimane, di cui le prime 2 in e-learning (30 ore) e le altre 2 in presenza presso la sede dell’Università per Stranieri di Perugia (60 ore)
  • un tirocinio formativo di 1 mese (in Italia per i giovani tunisini e in Tunisia per i giovani italiani) presso un soggetto profit o non profit che opera nel settore dell’internazionalizzazione e della cooperazione euro–mediterranea
  • un workshop finale in Tunisia, della durata di 3 giorni, dal titolo “Internazionalizzazione e cooperazione Italia – Tunisia”.

Nello specifico, il progetto è finalizzato a supportare i processi di internazionalizzazione attraverso l’interscambio culturale, l’approfondimento dei fenomeni transnazionali socio-culturali, economico-commerciali e geo-politici tra Italia e Tunisia e la conoscenza reciproca del patrimonio culturale, con l’intento di favorire il dialogo e la cooperazione tra i due Paesi e facilitare:

  •  l’arricchimento curriculare e lo sviluppo di competenze professionali di giovani italiani e tunisini, al fine di favorire il loro inserimento lavorativo nel settore dell’internazionalizzazione e della cooperazione euro- mediterranea;
  •  lo sviluppo di competenze sociali, linguistiche e interculturali tra i giovani italiani e stranieri, le quali costituiscono i pilastri della cultura del rispetto e del dialogo e consentono una modalità di partecipazione alla vita sociale e politica che sia inclusiva, attiva e costruttiva.
  • Il rafforzamento della consapevolezza e della conoscenza dell’identità euro-mediterranea, attraverso lo sviluppo di relazioni transnazionali, la condivisione del patrimonio culturale e la partecipazione attiva alla vita sociale.

©Riproduzione riservata

share

Commenti

Stampa