Terni città in crisi, la proposta di Azione Cattolica per la rinascita - Tuttoggi

Terni città in crisi, la proposta di Azione Cattolica per la rinascita

Redazione

Terni città in crisi, la proposta di Azione Cattolica per la rinascita

Gio, 04/02/2021 - 17:21

Condividi su:


proposta sviluppata dal progetto Manifesto 51. Le cinque azioni da mettere in campo per Terni

Questa mattina, durante la conferenza stampa indetta da Azione Cattolica, Luca Diotallevi ha presentato l’Agenda con la quale ha definito le priorità del progetto “Manifesto 51”, presentato lo scorso aprile.

5 proposte per far rinascere Terni

Le linee guida del manifesto sono state trasformate in cinque operazioni effettive, con il compito di portare Terni e l’Umbria tutta in un percorso di ripresa e ricrescita rispetto alle criticità del momento. Presenti alla conferenza, oltre al presidente Diotallevi, anche Elisabetta Lomoro, Giuseppe Croce, Augusto Magliocchetti e Giorgio Armillei.

Non si tratta di politica

Non si tratta di politica: “Questo progetto è presentato oggi a tutte le istituzioni, a tutta l’opinione pubblica, lontani da ogni scadenza elettorale e assolutamente disinteressati – spiega Luca Diotallevi – questa è la dimostrazione che si tratta dell’offerta di idee sulle quali non si pretende di avere il copyright. Questo estremo atto di generosità è motivato, oltre che da un certo stile civile, anche dall’estrema preoccupazione nella quale ci troviamo”.

Crisi economica

A sottolineare il dramma di questi giorni è stato commentato il rapporto di novembre della Banca d’Italia che indica come nella prima parte del 2020 l’economia umbra abbia subito una contrazione molto marcata a causa dell’epidemia Covid-19.

Calo del Pil regionale dell’11%

Le stime più recenti indicano un calo del PIL regionale di circa l’11% più marcato rispetto a quello previsto per l’Italia. L’Agenda nasce come “pacchetto” di interventi strategici, integrabile, ma non frammentabile. Lo scopo di questi interventi è quello di attivare un processo di ripresa

Le 5 proposte

“Queste cinque proposte sono realistiche” – spiega Diotallevi.

1) In Terni

L’impresa rigenera la città – Il primo punto riguarda il riportare il lavoro al centro della città. Ci sono moltissimi edifici vuoti che ristrutturati possono ospitare lavoro nel centro della città, e non in periferia, con tutto ciò che di positivo ne consegue. Si aprirebbe anche la strada a nuove tipologie di lavoro, moderne e global, che aumentino economia e cultura e che generico a loro volta nuove risorse e connessioni.

2) A Terni

Il secondo punto riguarda il polo AST che sta cambiando proprietà. Si propongono tre condizioni per AST come pilastro della crescita: che subentri a TK un global player in grado di incrementare i volumi dell’area a caldo e con l’integrazione del mix prodotti; che sia interessato al mercato europeo; che abbia standard elevati in materia di lavoro e rispetto dell’ambiente.

3) Con Terni – una grande città media

Terni è un comune di centomila abitanti, se guardiamo la realtà sociale Terni è una realtà di 150.000/180.000 abitanti che vivono, studiano, dormono e lavorano in quest’area. “Vi è una palese inadeguatezza della struttura amministrativa alla realtà sociale. Noi abbiamo gli strumenti legale, gli incentivi finanziari, le opportunità di ogni genere, per procedere ad una più stretta collaborazione tra i vari comuni”.

4) Verso Terni – mai più isolati

L’idea è di intercettare un dibattito di livello globale, con uno sguardo rivolto all’Unione Europea. Per farlo occorre puntare sulle infrastrutture, investendo su logistica e mobilità, con particolare riferimento al corridoio Orte Falconara, rafforzandone l’intermodalità e sorvegliandone l’attuazione.

5) Per Terni – nessuno è straniero

“Terni è fatta da tanti ternani, non da sempre ma da ieri”. L’obiettivo è di integrare nel tessuto sociale e culturale ternano le comunità di stranieri presenti in città, che un domani faranno parte del futuro della città. L’idea è di offrire ad associazioni inclusive, aperte e democratiche la possibilità di svolgere funzioni collettivamente importanti e al contempo offrire l’opportunità di qualificazione linguistica (italianoL2) per tutti.

L’Umbria

“Bisogna guardare – sottolinea Diotallevi – all’Umbria come rete di città (in particolar modo dell’Italia centrale) che può svolgere un ruolo di rilievo globale. Questa Umbria può avere a cuore l’Umbria Flaminia, che a sua volta può avere a cuore e come promotore Terni, per poi tirarsi dietro il resto della regione. Perugia non è ovviamente esclusa, ma non può essere la testa della ripresa”.

di Alessia Marchetti

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!