Stop ai Primi d'Italia, Amoni: "Tentennamenti delle Istituzioni regionali"

Stop ai Primi d’Italia, Amoni: “Troppi tentennamenti delle Istituzioni regionali”

Redazione

Stop ai Primi d’Italia, Amoni: “Troppi tentennamenti delle Istituzioni regionali”

Ven, 11/09/2020 - 15:58

Condividi su:


Stop ai Primi d’Italia, Amoni: “Troppi tentennamenti delle Istituzioni regionali”

Il Covid non ferma la Quintana ma fa una vittima eccellente: i Primi d’Italia. E’ lo stesso presidente di Epta, Aldo Amoni, ad annunciarlo con una nota al vetriolo, con cui si toglie qualche sassolino dalle scarpe.

Con grande amarezza e delusione, io e la società Epta, che da oltre vent’anni organizza I Primi d’Italiadice Amoni – ci troviamo costretti a rimandare l’evento nonostante l’impegno nostro e dell’amministrazione comunale di Foligno, in special modo del Sindaco Stefano Zuccarini e dell’Assessore Michela Giuliani“.

“Abbiamo lottato fino alla fine”

Abbiamo lottato insieme fino all’ultimo per conservare le date tradizionali della manifestazione, che si è sempre svolta a fine settembre, ma i tanti tentennamenti delle Istituzioni regionali, in questo momento così complesso e incerto a causa della pandemia, ci rendono impossibile garantire la qualità del Festival. Sono parole difficili da dire per me, che così tanto amo Foligno, l’Umbria e I Primi d’Italia. Tutta l’azienda ed io ci siamo impegnati al massimo e abbiamo presentato un piano anti-contagio estremamente dettagliato e le successive integrazioni richieste per rassicurare le Autorità regionali, garantendo comunque lo svolgimento di un grande evento per il rilancio del territorio. Purtroppo, arrivati a due settimane dall’inizio ufficiale e dopo un iniziale nullaosta, ad ora non abbiamo più il via libera necessario e non restano margini per garantire al pubblico e ai nostri tanti espositori il successo che contraddistingue il Festival Nazionale dei Primi Piatti.”

“Lo stop dei Primi d’Italia è una grave perdita”

Amoni parla digrave perdita di indotto economico e turistico per il nostro territorio, ma in questo momento possiamo solo accettare i dubbi di Regione, Sanità e Protezione Civile e rinunciare all’edizione 2020. Torneremo nel 2021 con un evento ancora più bello e coinvolgente che saprà conquistare e stupire tutti.” 


Condividi su:


"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!