Il Sorriso di Teo dona defibrillatori a Itis e II Circolo Spoleto - Tuttoggi

Il Sorriso di Teo dona defibrillatori a Itis e II Circolo Spoleto

Sara Fratepietro

Il Sorriso di Teo dona defibrillatori a Itis e II Circolo Spoleto

Grazie alla collaborazione con Spoleto a colori raccolti 900 euro a favore dell'istituto tecnico | L'altra donazione possibile grazie a torneo di pesca
Sab, 20/05/2017 - 13:24

Condividi su:


Altre due scuole di Spoleto dotate di defibrillatori grazie a Il Sorriso di Teo. L’associazione nata per ricordare Matteo Baroni, il ragazzo scomparso per una malattia congenita a 13 anni, ha consegnato questa mattina due apparecchi salva-vita all’Itis ed al Secondo circolo didattico di Spoleto. Donazione che si aggiunge a quella fatta a marzo alla scuola media “A. Manzoni” e che è un ulteriore passo nel progetto de Il Sorriso di Teo per dotare tutte le scuole di Spoleto che non ne sono provviste di defibrillatore.

Le donazioni odierne sono state possibili grazie alla collaborazione con due eventi: Spoleto a colori per quanto riguarda l’Istituto tecnico industriale e il torneo di pesca che si è svolta ai laghi di Faldo, a Montone (prima prova del Tofeo Serie B Pesca al Colpo 2017) per l’altro plesso.

“Per noi oggi è un momento importante – ha spiegato il dirigente scolastico dell’Itis Mario Lucidiancora di più perché mostra come da un’esperienza traumatica può nascere un elemento propositivo e a favore della vita, la morte si trasforma in qualcosa di costruttivo per la comunità”. La scelta dell’Itis per la donazione del defibrillatore  nata dalla collaborazione con Spoleto a colori non è stata casuale: Matteo avrebbe infatti voluto frequentare questo istituto, al quale si era già iscritto prima che la malattia l’ha avuta vinta su di lui.  Ma anche perché il dirigente Lucidi è stato uno dei primi a sostenere Spoleto a colori, come ha ricordato Bruno Farroni.

Siamo convinti che si può fare sociale divertendosi e questo è il risultato” ha incalzato Cristian Baroni, papà di Matteo e presidente de Il Sorriso di Teo. “L’emozione più bella – ha aggiunto – è stata quella del laboratorio sul legno durante Spoleto a colori che ci ha coinvolto, vedendo genitori che giocavano insieme ai loro figli, divertendosi e sorridendo. Vorremmo far capire che la vita è importante e va vissuta sempre e questo laboratorio è stato il modo più bello per spiegarlo”. Durante Spoleto a colori, quindi, sono stati raccolti oltre 900 euro, che sono serviti ad acquistare uno dei due defibrillatori consegnati oggi all’Itis. “La collaborazione con Spoleto a colori – ha aggiunto Baroni – ci ha anche portato ad iniziare una collaborazione con l’Istituto italiano di resilienza, che farà il corso a chi dovrà usare i defibrillatori”.

L’altro defibrillatore è stato consegnato invece a due insegnanti della scuola Francesco Toscano (2° Circolo), scuola frequentata da Teo. “Ringraziamo l’associazione, ringraziamo Matteo, per questo dono che è per la vita” sono state le parole di una delle due maestre, a nome della dirigente scolastica Mattei.

Prima della consegna alle persone presenti stamattina nell’aula magna dell’Itis (tra cui alcuni studenti), è stato proiettato un servizio di Report andando in onda pochi giorni fa che mostra quanto ci sia ancora da fare in Italia per la diffusione dei defibrillatori. E sul tema è intervenuta anche la dottoressa Annamaria Rotelli, dell’istituto italiano di resilienza ma anche medico del 118 di Spoleto, che ha parlato della sua esperienza professionale. “I risultati si hanno quando sul territorio si fa qualcosa – ha spiegato – spesso noi operatori non riusciamo ad arrivare immediatamente sul posto e notiamo che quando c’è qualcuno che sa qualcosa fare, riusciamo a tirare fuori le persone dall’arresto cardiaco”. Se si interviene infatti entro 5 minuti dall’arresto cardiaco, le persone possono sopravvivere. Il corso di formazione dura 5 ore e permette di capire cosa è un arresto cardiaco e come si usa un defibrillatore, apparecchio che comunque ‘guida’ la persona che lo usa e che una volta attivato fa tutto da solo.


Condividi su:


Aggiungi un commento