San Valentino, la processione cittadina e il dono di Soddu alla basilica - Tuttoggi

San Valentino, la processione cittadina e il dono di Soddu alla basilica

Marco Menta

San Valentino, la processione cittadina e il dono di Soddu alla basilica

Lun, 14/02/2022 - 11:43

Condividi su:


Domenica 13 febbraio si è svolta la processione che ha riaccompagnato l'urna di San Valentino in basilica, alla presenza di istituzioni civili e militari.

La solenne celebrazione di San Valentino si è conclusa domenica 13 febbraio con la processione cittadina. Dalla cattedrale di Terni i fedeli si sono mossi verso la basilica di San Valentino, passando davanti al palazzo comunale, alla chiesa del Sacro Cuore di Città Giardino, a quella di Santa Maria del Carmelo del quartiere Italia.

Ad accompagnare la processione i gonfaloni del Comune di Terni, della Regione Umbria, della Provincia di Terni, delle varie confraternite. Insieme ai rappresentanti di movimenti e associazioni diocesane il sindaco di Terni, Leonardo Latini, la presidente della Provincia, Laura Pernazza, istituzioni civili e militari.

Diotallevi: “Volere il bene comune è esigenza di giustizia e carità”

“Volere il bene comune e adoperarsi per esso – ha ricordato sul sagrato della basilica di San Valentino Luca Diotallevi, presidente di Azione Cattolica Diocesana – è esigenza di giustizia e di carità”. “Impegnarsi per il bene comune è prendersi cura e avvalersi di quel complesso di istituzioni che strutturano giuridicamente, civilmente, politicamente, culturalmente il vivere sociale; così ogni cosa può diventare sostanza d’amore”.

“Valentino, intercedi perché abbiamo la forza di combattere senza riserve”

Infine la preghiera a San Valentino, per la città e per i lavoratori: “Valentino, intercedi perché anche noi, come te, abbiamo la forza di combattere senza riserve e senza paure contro ogni potere che facendosi assoluto e sovrano tenti di trasformare la città in una ‘Babilonia’ di oppressione e conformismo”.

Al termine la benedizione finale del vescovo di Terni, Francesco Antonio Soddu, che ha donato alla basilica di San Valentino un anello episcopale, in qualità di successore del vescovo Valentino.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!