San Valentino Jazz Terni chiude col trio Salis, Zifarelli, Iodice - Tuttoggi

San Valentino Jazz Terni chiude col trio Salis, Zifarelli, Iodice

Redazione

San Valentino Jazz Terni chiude col trio Salis, Zifarelli, Iodice

Mer, 26/02/2014 - 09:47

Condividi su:


Sarà il trio Salis, Zifarelli, Iodice a chiudere, giovedì 27 febbraio, il programma di Sanvalentinojazz 2014, una manifestazione che si è caratterizzata, non solo per il grande successo dei tre appuntamenti precedenti che hanno visto esibirsi grandi solisti internazionali, come Fabrizio Bosso e Michael Rosen e alcune delle migliori realtà musicali del nostro territorio, la Briccialdi Big Band, il gruppo vocale dei Cherries e la Terni Jazz Orchestra, ma anche per la riscoperta e la rivalutazione di un’importante location, come quella del Teatro A del Centro Multimediale di Terni, adatta a ospitare, per capienza di pubblico e per l’ottima acustica, eventi musicali di notevole rilievo, come quelli che hanno segnato il cartellone di SVJ 2014.

Ultimo ospite del festival, un trio inusuale che dà vita a un sound estremamente originale: composto da fisarmonica e tastiera (intervallata dal piano), chitarre e batteria, il trio Salis, Zifarelli, Iodice si caratterizzata per la mancanza del c/basso, elemento che gli conferisce un suono particolare, oltre a innumerevoli possibilità armoniche e ritmiche, che vanno dalle rivisitazioni di celebri brani, come “Caravan” e Franck Zappa, oltre al repertorio originale dei tre jazzisti. Un mix sinergico che abbraccia i colori del jazz rock, del jazz e dell’improvvisazione.

Antonello Salis: fisarmonicista e pianista, vanta un percorso musicale più che trentennale, costellato da collaborazioni eccellenti, che spaziano dalla danza al cinema, fino al teatro. In ambito jazzistico ha suonato con artisti come: Enrico Rava, Paolo Fresu, Stefano Bollani, Roberto Gatto, Riccardo Fassi, Pino Minafra, Gianluca Petrella, Fabrizio Bosso, Paolo Angeli, Javier Girotto, Lester Bowie e l’Art Ensemble Of Chicago, Don Cherry, Don Pullen, Billy Cobham, Han Bennink, Nana Vasconcelos, Cecil Taylor, Pat Metheny, JoeyBaron, Bobby Previte, Bobby Watson e molti altri. Nel corso della sua lunga carriera ha ottenuto numerosi riconoscimenti a livello europeo e internazionale, tra cui: Premio “Django d’or” 2005 per l’Italia come musicista affermato; Premio alla Carriera: Cagliari European Jazz 2008; Premio Città di Roma 2002; Top Jazz 2008 tastiere piano e fisarmonica; 2009 Top Jazz miglior disco STUNT con il trombettista Fabrizio Bosso; 2013 Premio alla Carriera: Iseo Jazz Festival; 2013 Premio Fondazione “Maria Carta”.

Ingresso gratuito fino a esaurimento dei posti. Apertura Teatro A: ore 20.45

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!