Quattro nuovi arrivi al "Parco dei Cigni", attesa per 3 uova ancora non dischiuse - Tuttoggi

Quattro nuovi arrivi al “Parco dei Cigni”, attesa per 3 uova ancora non dischiuse

Davide Baccarini

Quattro nuovi arrivi al “Parco dei Cigni”, attesa per 3 uova ancora non dischiuse

Mar, 17/05/2022 - 15:21

Condividi su:


La magia della vita si rinnova a due passi dai Seccatoi di Burri, l’emozione del consigliere dell’Arci Caccia Alberto Alunni: “Una grande gioia per chi tiene tanto a quest’area verde come noi: mi raccomando niente pane ai cigni appena nati”

A Città di Castello, a due passi dai Seccatoi di Burri, la natura ha dipinto una delle sue opere d’arte più belle con la nascita di 4 cigni, avvenuta negli ultimi giorni nel parco di Rignaldello. Nell’area verde tifernate si è ripetuto l’affascinate rituale, divenuto appuntamento immancabile per i bambini che con genitori e nonni frequentano la zona, affettuosamente chiamata “parco dei cigni”.

Solo nel 2020, l’anno del Covid-19, la magia della vita aveva subito una battuta di arresto, che nel drammatico contesto dell’esplosione della pandemia non era passata inosservata. Dopo i tre figli dati alla luce l’anno scorso, mamma Gisella ha regalato a papà Checco 7 uova, da cui per il momento sono usciti fuori 4 piccoli. La speranza di chi ha seguito il lieto evento, a cominciare dal consigliere dell’Arci Caccia Alberto Alunni, che da sempre si prende cura dei cigni, è che i gusci non ancora dischiusi possano aprirsi quanto prima.

Dopo aver amorevolmente covato le uova per tutta la mattina, mamma Gisella si è concessa una piccola pausa per un bagno insieme ai figli, subito invitati a prendere confidenza con l’acqua e l’ambiente nel quale cresceranno. Uno spettacolo emozionante, seguito con curiosità e stupore dai presenti, tra cui una scolaresca in città per visitare gli ex Seccatoi del Tabacco che ospitano le opere di Burri.

Per noi è sempre una grande gioia accogliere i cigni, assistere alla magia della vita che si rinnova da oltre 30 anni in questo parco”, ha commentato a caldo Alunni, sottolineando che “i nuovi nati hanno mostrato subito di essere vivaci e in salute, scendendo in acqua e iniziando a nuotare con la mamma. Teniamo davvero tanto a quest’area verde, che ha proprio nei cigni il suo simbolo e che insieme al Comune cerchiamo di mantenere nelle migliori condizioni, a disposizione di cittadini e visitatori”, puntualizza il consigliere dell’Arci Caccia, associazione che gestisce in convenzione da oltre 20 anni il parco. “La raccomandazione che rivolgo a tutti coloro che verranno qui in questi giorni è di non gettare più il pane in acqua, perché è nocivo per i cigni appena nati: vanno benissimo verdura e un po’ di mais”.

La nascita di altri quattro cigni ha rinnovato la tradizione consolidata del parco di Rignaldello, dove questa specie di uccelli vive dagli anni ’90. Anche il primissimo abitante si chiamava Checco: il cigno mascotte del parco, morto tre anni fa, venne portato nell’area verde dopo essere stato rinvenuto ferito lungo la superstrada E45.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!