Processo Meredith a Firenze / Prima udienza questa mattina / Amanda e Raffaele non si presentano / Lumumba parte Civile - Tuttoggi

Processo Meredith a Firenze / Prima udienza questa mattina / Amanda e Raffaele non si presentano / Lumumba parte Civile

Redazione

Processo Meredith a Firenze / Prima udienza questa mattina / Amanda e Raffaele non si presentano / Lumumba parte Civile

Lun, 30/09/2013 - 11:43

Condividi su:


Sa.Mi.

E' inziata questa mattina a Firenze la prima udienza a del nuovo processo d'appello a carico di Raffaele Sollecito e ad Amanda Knox per l'omicidio di Meredith Kercher, la giovane studentessa inglese uccisa a Perugia la notte tra il primo e il 2 novembre del 2007. Gli imputati, come già annunciato, non sono presenti in aula e sono stati dichiarati contumaci dal presidente della Corte d'assise d'appello, Alessandro Nencini.

Lumumba parte civile. Assente anche la famiglia di Meredith, assistita dagli avvocati Francesco Maresca e Serena Perna. La pubblica accusa è affidata al pm fiorentino Alessandro Crini. In aula è presente Patrick Lumumba, datore di lavoro di Amanda al tempo dell'omicidio e da lei indicato come l'autore del delitto. Lumumba si è costituito parte civile dopo essere stato 'scagionato' dall'infamante accusa grazie alla testimonianza di un professore universitario svizzero che ne confermò l'alibi nella notte dell'omicidio. Proprio per la richiesta di esclusione della costituzione di parte di civile di Lumumba (chiesta dagli avvocati dei due ragazzi, Giulia Bongiorno e Carlo Dalla Vedova) la corte si è aggiornata, pochi minuti dopo l'inizio dell'udienza per poi rigettare la richiesta.

Sei anni fa il delitto. Meredith Kercher viene trovata morta nella sua camera da letto, nella casa di via della Pergola, a Perugia. La polizia ferma per l'omicidio la coinquilina di Mez, Amanda Knox, il fidanzato di questa ultima, Raffaele Sollecito e il musicista congolese Patrick Lumumba Diya. Lumumba e' il datore di lavoro di Amanda. E' lei a indicarlo come l'autore del delitto. Ma ben presto un docente svizzero racconta alla polizia di essere stato nel pub di Lumumba la sera del delitto e conferma l'alibi del musicista congolese.

Il quarto uomo. Rudy Hermann Guede, 21 anni, originario della Costa D'Avorio viene poi indicato come il “quarto uomo”. La polizia spicca un mandato di cattura internazionale. Lumumba viene rimesso in libertà mentre Guede viene bloccato dalla polizia a bordo del treno Coblenza-Magonza, in Germania. Si dichiara innocente. Il gup dispone di procedere al processo con rito abbreviato per Guede condannato a 16 anni di carcere per omicidio volontario e violenza sessuale e rinvia a giudizio Amanda Knox e Raffaele Sollecito chiedendone l'ergastolo.

L' assoluzione in appello poi l'annullamento. Ma il tre ottobre 2011 la Corte di assise di appello di Perugia assolve Amanda e Raffaele dall'accusa di aver ucciso Meredith Kercher. La Corte di assise di appello di Perugia deposita le motivazioni della sentenza di assoluzione ma il 25 marzo di quest'anno la Cassazione annulla la sentenza di secondo grado. MEZ FORSE “AMMAZZATA PER UN GIOCO EROTICO FINITO MALE” – SU AMANDA KNOX E RAFFAELE SOLLECITO INDIZI SOTTOVALUTATI.

Amanda non torna in Italia, Raffaele a Santo Domingo. “A parte le spese che comporterebbe seguire un processo in Italia, non voglio tornare in un paese dove sono stata tenuta in carcere per quattro anni nonostante fossi innocente”. Queste le parole della ragazza di Seattle in una recente intervista. Invece Raffaele si trova a Santo Domingo, ma il padre spiega “Di sicuro sarà in aula per le ultime due udienze di ottobre” e risponde stizzito quando gli fanno notare che Santo Domingo è uno dei pochi paesi che non ha firmato trattati di estradizione con l'Italia.

Le tracce sul coltello. Al centro del processo torneranno le prove scientifiche che la Corte d'appello di Perugia aveva giudicato improbabili per via della presenuta contaminazione durante la raccolta dei reperti dimostrata dai suoi periti. In particolare il reperto I, una traccia tra l'impugnatura e la lama del coltello che non fu esaminata perché troppo microscopica. E poi forse saranno riascoltati testimoni non tenuti in considerazione, secondo l'accusa, dai giudici che assolsero Amanda e Raffaele.

Amanda sulla tomba di Mez. Stephanie, la sorella di Meredith, ha reagito alle recenti dichiarazioni di Amanda, nelle quali aveva spiegato il suo desiderio di portare un fiore sulla tomba della sua coinquilina, ha reagito con sdegno dicendo: “Ora Meredith riposa in pace ma non vogliamo Amanda accanto alla sua tomba”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!