Posti Covid negli ospedali e focolai Rsa: ecco i nodi che hanno spinto l'Umbria in fascia "arancione"

Posti Covid negli ospedali e focolai Rsa: ecco i nodi che hanno spinto l’Umbria in fascia “arancione”

Massimo Sbardella

Posti Covid negli ospedali e focolai Rsa: ecco i nodi che hanno spinto l’Umbria in fascia “arancione”

Mar, 10/11/2020 - 10:02

Condividi su:


Posti Covid negli ospedali e focolai Rsa: ecco i nodi che hanno spinto l'Umbria in fascia "arancione"

Carenza di posti letto rispetto ai pazienti Covid, soprattutto in terapia intensiva, e i focolai nelle Rsa. Sono questi i nodi che hanno spinto l’Umbria tra le regioni in fascia di rischio “arancione”. Con le conseguenti nuove restrizioni che scatteranno da mercoledì 11 novembre, in particolare il divieto di non uscire dal proprio comune se non per motivi di lavoro, studio, salute o stato di necessità e con la compilazione dell’autocertificazione.


L’autocertificazione per spostarsi:
dove scaricarla e come si compila


Eccoli, dunque, gli indicatori del monitoraggio settimanale che hanno fatto scivolare l’Umbria, per ora, nella fascia di rischio “arancione”.

I dati pubblicati dalla Cabina di regia Covid dell’Istituto superiore di sanità si riferiscono alla settimana dal 26 ottobre al 1° novembre, aggiornati al 9 novembre.


L’Umbria da mercoledì in fascia “arancione”:
tutti i nuovi divieti


I contagi

Una settimana in cui l’Umbria ha registrato 3.211 nuovi contagi da Coronavirus, con un’incidenza nei 14 giorni di 674.44 per 100.000 abitanti. Un trend in crescita, come in tutte le regioni. Anche se in Umbria, come in Basilicata e nella Provincia di Trento, risultano in calo i focolai. L’indice di trasmissibilità stimato, Rt, è di 1.44, con uno “scenario 3”.

La valutazione della probabilità di diffusione del Covid è considerata “moderata”. Ma è “alta” la valutazione di impatto: “sovraccarico in terapia intensiva ed evidenza di nuovo focolaio in Rsa / case di riposo / ospedali. L’allerta relativa alla resilienza dei servizi sanitari territoriali è al livello 1: ind. 2.1 in aumento e sopra 30%.

La classificazione complessiva del rischio Covid in Umbria è quindi “alta”.

Indicatori capacità di monitoraggio

Quanto agli indicatori sulla capacità di monitoraggio dei contagi, l’Umbria passa da 62.4 a 87.8, “in aumento sopra soglia” per numero di casi sintomatici notificati al sistema di sorveglianza.
Quota 100.0 per il numero di casi notificati per mese con storia di ricovero in ospedale e 100.0 per i ricoveri in terapia intensiva.
Quota 99.2 per numero di casi notificati in cui è riportato il comune di domicilio o residenza.

Di fronte all’aumento dei casi di contagi a ottobre l’Umbria ha adottato la strategia di non testare i contatti asintomatici di positivi al Covid, ma di prevedere per loro direttamente l’isolamento fiduciario.

Indicatori trasmissione e impatto del Covid

In questo caso gli indicatori di riferimento sono:

  • numero di casi riportati al Ministero: della Salute negli ultimi 14 giorni: 43.0
  • Rt: 1.44
  • casi per data diagnosi e inizio sintomi: 24.4
  • focolai di trasmissione attivi: 263 (la settimana precedente erano 283)
  • nuovi focolai di trasmissione: 105
  • nuovi casi non associati a catene di trasmissione note: 3.211
  • tasso di occupazione posti letto in terapia intensiva dei pazienti Covid: 40%
  • tasso di occupazione dei posti letto totali in area medica dei pazienti Covid: 39,6%

La probabilità di una escalation a rischio alto per l’Umbria nei prossimi 30 giorni è valutata oltre il 50% per un’occupazione alta delle terapie intensive e per le aree mediche.
Viene valutato alto l’impatto sulle strutture sanitarie e quindi la classificazione del rischio. Non viene però al momento stimata alta la classificazione per più di 3 settimane consecutive.

Indicatori resilienza dei servizi sanitari

Quanto alla resilienza dei servizi sanitari umbri di fronte alla pandemia Covid, questi gli indicatori:

  • percentuale dei tamponi positivi escludendo le attività di screening e re-testing: 31.2% (prima era del 20.2%), in aumento e sopra il 30%
  • tempo tra data inizio sintomi e data di diagnosi: 1
  • tempo tra data inizio sintomi e data isolamento: 1
  • figure professionali dedicate al contact-tracing: 42 (0,5 per 10mila)
  • figure professionali dedicate a prelievi e monitoraggio contatti stretti: 131 (1,5 per mille). In totale le risorse umane impegnate in Umbria per queste attività è di 173 unità (2 per 10mila abitanti)
  • numero dei casi confermati dopo indagine epidemiologica sui contatti rispetto al totale dei nuovi casi: 95%

Quanto alla resilienza dei servizi sanitari territoriali c’è un’allerta segnalata.

Posti letto e personale sanitario

Rispetto alla disponibilità di posti letto per i pazienti Covid, l’Umbria a ieri (9 novembre) ha portato a 111 le terapie intensive, per poi raggiungere il numero di 127 fissato dal Piano concordato con il Ministero della Salute. Da mercoledì sarà operativo l’ospedale da campo militare che l’Esercito sta installando nel piazzale antistante l’ospedale di Perugia.

L’assessore Coletto ha ricordato che l’Umbria è pronta ad assumere 300 infermieri a tempo determinato, procedendo contestualmente alle attività concorsuali per le stabilizzazioni.

C’è poi l’accordo per il mutuo soccorso con la Regione Marche (anch’essa con Bertolaso come consulente) che al momento ha parametri migliori dell’Umbria e per questo è rimasta in zona di rischio “gialla”, pur impegnando una quantità di personale sanitario inferiore rispetto alla popolazione.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!