Pista d'atletica, l'opposizione trova la soluzione - Tuttoggi

Pista d’atletica, l’opposizione trova la soluzione

Redazione

Pista d’atletica, l’opposizione trova la soluzione

L'attività dei consiglieri comunali ha portato ad un accordo, "ora spetta all'Amministrazione comunale concretizzarlo" | Polemica sui divieti del Comune
Ven, 02/09/2016 - 10:33

Condividi su:


Pista d’atletica, l’opposizione trova la soluzione

La pista d’atletica di Spoleto avrà un futuro!“. A comunicarlo sono i consiglieri di Pd e gruppo misto Marina Morelli, Paolo Martellini, Aliero Dominici, Carla Erbaioli, Francesco Saidi e Laura Zampa. “Questo si è reso possibile – spiegano in una nota – grazie ai vari incontri che i sottoscritti consiglieri, nonostante fosse il mese di agosto, hanno tenuto con quelle società sportive disposte a gestire direttamente gli impianti in parola, al fine di trovare fra loro un intento comune. Ora spetta all’Amministrazione comunale trasformare questa disponibilità in concretezza formale.  isti i primi movimenti, non si può certo dire che la immediatezza ed il carpe diem sia il pezzo forte di questa Giunta, dal momento che il consigliere Settimi, solo oggi si accorge della possibilità di attingere a contributi a ciò finalizzati e, come ormai è prassi quotidiana, non lo comunica tramite le vie istituzionali, ma sul proprio profilo facebook. Improvvisazione e mancato rispetto delle Istituzioni!”. Nel mirino è in realtà finito un link pubblicato, senza commenti, dal consigliere comunle delegato allo sport Roberto Settimi, in cui si parla della convenzione tra l’Istituto per il credito sportivo e la Fidal, la federazione italiana di atletica leggera, che mette in campo un platfond di 30 milioni di euro per la concessione di mutui per l’impiantistica sportiva.

Proprio la necessità di non perdere tali opportunità finanziarie, – evidenziano i consiglieri di minoranza – un mese fa ha infatti stimolato la volontà dei sottoscritti Consiglieri di effettuare autonomamente un mirato sopralluogo alla pista d’atletica, visto il divieto formale di poterlo fare come Commissione Comunale. In tale occasione, come premesso, abbiamo cercato di sensibilizzare una sinergica assunzione di responsabilità da parte delle due più significative, in termini di adepti, Associazioni Sportive, al fine di arrivare ad un preliminare accordo che possa far scaturire una comune gestione di un impianto, come quello spoletino, che può contare su ben 8 corsie. Ciò soprattutto alla luce della evidente carenza strutturale presente nella nostra Regione, nonché alla felice posizione strategica, così come riconosciuto dal Presidente della Fidal Umbria in data 18 agosto 2016, che si è messo a completa disposizione per facilitare il raggiungimento del comune obiettivo. Qualcuno potrà obiettare che non spettava direttamente a noi, consiglieri di opposizione, muovere i primi passi. Ma visto che nessuno dei “delegati” si stava muovendo in tal senso, abbiamo deciso di agire in maniera autonoma. Se, anziché perdere tempo e vietarci un mese fa un percorso istituzionale, come quello in seno alla Commissione, ci fosse stato il concreto interessamento da parte dell’Amministrazione e dei suoi vari derivati, oggi avremmo sicuramente intrapreso gran parte del percorso necessario, senza far passare inutilmente settimane e settimane. I proclami tardivi su Facebook, rischiano di restare pericolosamente virtuali, quando invece questa città ha bisogno di concretezza. Per questo – concludono Morelli, Martellini, Dominici, Erbaioli, Saidi e Zampa – restiamo a disposizione e pronti, nel ruolo di ognuno, a coadiuvare tutte le future iniziative anche con la Federazione Nazionale e Regionale di atletica”.

LA REPLICA DEL CONSIGLIERE DELEGATO ALLO SPORT ROBERTO SETTIMI

(aggiornato alle ore 00.43 dell’8 settembre 2016)


Condividi su:


Aggiungi un commento