Perugia Capitale cultura 2015 / Premio di consolazione da 1milione di euro - Tuttoggi

Perugia Capitale cultura 2015 / Premio di consolazione da 1milione di euro

Alessia Chiriatti

Perugia Capitale cultura 2015 / Premio di consolazione da 1milione di euro

Il ministro Francheschini lo annuncia con un tweet / La nomina per l'Italia con Lecce, Cagliari, Ravenna e Siena
Dom, 14/12/2014 - 16:06

Condividi su:


La storia si ripete: Perugia capitale dello spaccio di droga? Anche no. Della cultura europea? Neppure. Dei giovani? Assolutamente no. Forse della ‘ndrangheta e delle infiltrazioni mafiose? Fortunatamente no, nonostante la vicinanza, geografica oltre che cronachistica, alla cupola di Roma. Il ministro della cultura Dario Franceschini ha vuto un’idea migliore e lo ha annuncia con un tweet: “nel 2015 saranno insieme le 5 finaliste europee Siena, Perugia, Lecce, Cagliari, Ravenna” per il via libera al progetto “Capitale della cultura italiana”.

PERUGIA “ZERO TITULI” – LA CONFERENZA DOPO LA SCONFITTA

PERUGIA NON E’ CAPITALE DELLA CULTURA EUROPEA – LE MOTIVAZIONI

Come già annunciato il giorno della proclamazione di Matera al titolo europeo, la proposta di Franceschini è stata poi accettata dalla Conferenza delle regioni, e poi varata dal Consiglio dei Ministri. Un premio di consolazione ex aequo, dove non ci sarà battaglia, ma grazie al quale il capoluogo umbro potrà finalmente diventare capitale di qualcosa. Poi nel 2016 si aprirà la procedura per la nomina delle città, una ogni anno, deliberata da decreto ministeriale.

Pioggia di gettoni d’oro – Un premio di consolazione cospicuo. Ad avercene: in arrivo una pioggia di denaro direttamente dal Ministero della Cultura. Franceschini aveva parlato all’inizio di 200 mila euro, ai quali se ne sono aggiunti altri 800 per città. In tutto dunque un milione di euro. Bracalente, presidente della Fondazione, ha dichiarato a riguardo: “il Governo ha nominato Perugia Capitale Italiana della cultura per il 2015, insieme alle altre quattro città finaliste della competizione europea. E’ un importante risultato del lavoro svolto in questi anni e un concreto riconoscimento della qualità di tutti i progetti presentati dalle città finaliste“. L’obiettivo sarà ora quello di portare a termine una parte del progetto di candidatura, nonostante sia stato considerato “rischioso e oneroso” dalla commissione giudicatrice, e nonostante, come riportato da alcuni quotidiani locali, si sia sfilato dal progetto uno dei partener finanziatori più importanti, come la Camera di Commercio di Perugia, che, con il presidente Mencaroni alla guida, aveva erogato per la candidatura ben 600mila euro.

©Riproduzione riservata

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!