PD chiude definitivamente la porta a de Augustinis, consiliatura finita | Aggiornamenti - Tuttoggi

PD chiude definitivamente la porta a de Augustinis, consiliatura finita | Aggiornamenti

Carlo Ceraso

PD chiude definitivamente la porta a de Augustinis, consiliatura finita | Aggiornamenti

Sab, 27/02/2021 - 10:58

Condividi su:


PD chiude definitivamente la porta a de Augustinis, consiliatura finita | Aggiornamenti

Il Partito Democratico di Spoleto chiude ufficialmente e definitivamente la porta al sindaco e Magistrato di Cassazione, Umberto de Augustinis.

Il Partito Democratico di Spoleto chiude ufficialmente e definitivamente la porta al sindaco e Magistrato di Cassazione, Umberto de Augustinis.

Ieri sera, 26 febbraio, l’assemblea degli iscritti si è infatti riunita su Zoom per valutare l‘incontro che c’era stato appena lo scorso 25 febbraio tra i rappresentanti del Gruppo in Consiglio Comunale e il primo cittadino.

La riunione via web è stata molto partecipata con oltre 60 intervenuti, e a quanto può anticipare Tuttoggi.info, gli stessi hanno all’unanimità deciso di non dare seguito a nessun ulteriore colloquio con il primo cittadino, rimarcando che dal giugno 2018 il partito è forza di opposizione al governo de Augustinis.

I Dem hanno anche giudicato inconsistenti i punti programmatici presentati nell’incontro del 25 febbraio.

A questo punto la mozione di sfiducia sembra solo una questione di tempo: l’11 marzo il Consiglio Comunale dovrà discuterla e votarla. Con la chiusura del PD e la ferma decisione di Fratelli d’Italia, Lega, Spoleto Popolare, Alleanza Civica e Ora Spoleto, la consiliatura de Augustinis è di fatto conclusa.

Il PD dovrebbe a breve stilare una propria nota stampa sulla riunione, convocata dal segretario in pectore e capogruppo in consiglio comunale, Stefano Lisci, e sul voto tenuto ieri sera.

Aggiornamento delle 12,55

Ecco la nota stampa integrale inviata dal PD:

ASSEMBLEA PD SPOLETO: DAL SINDACO NESSUNA APERTURA ALLA CITTA’ 

Una città in ginocchio, un’Amministrazione comunale incapace di dare risposte alla crisi sanitaria e a quella socio-economica, un Sindaco sfiduciato dalla sua stessa maggioranza, la necessità di trovare rapide soluzioni per evitare il commissariamento del Comune in un momento drammatico per Spoleto e per l’Umbria guidate dal centrodestra che sta fallendo miseramente nel suo progetto.

E’ questo il quadro che la delegazione del Pd – composta dai Consiglieri comunali Stefano Lisci, Camilla Laureti, Marco Trippetti, Carla Erbaioli e da Daniela Tosti in rappresentanza del partito – ha portato sul tavolo del Sindaco durante un incontro chiesto dallo stesso primo cittadino.

Avremmo voluto che De Augustinis prendesse atto della situazione e percorresse l’unica strada possibile: rassegnare le proprie dimissioni e dichiarare il fallimento e l’incapacità di governare della prima amministrazione guidata dal centrodestra nella nostra città con il conseguente azzeramento della Giunta attuale.

Questo avrebbe permesso di aprire una fase di consultazioni con tutte le forze politiche, sociali, economiche e dell’associazionismo della città per costruire un governo di salvezza cittadina ‘pro tempore’ con un obiettivo chiaro: attuare precisi punti programmatici condivisi per portare la nostra città fuori da questa fase di emergenza.

Questa la posizione del PD per dare a Spoleto una guida autorevole in questo momento unico, di fronte all’incertezza sul piano sia sanitario, sia economico e sociale.In tutto questo non ci sono scorciatoie, né giochetti di potere e di partito, né prove di forza. C’è solo una visione della politica fatta per il bene della città.

L’incontro ha avuto tutt’altro tenore. Il Sindaco non crede che dimettersi – per verificare nei 20 giorni di tempo che la legge gli consente e dare la possibilità di creare un nuovo esecutivo e un nuovo programma sentite tutte le componenti cittadine – sia la strada da percorrere.

Ieri sera l’esito dell’incontro è stato condiviso con gli iscritti collegati in streaming. In maniera unanime è stato deciso che arrivati a questo punto l’unica via possibile per il Partito Democratico è quella della discussione e della votazione della mozione di sfiducia, già calendarizzata per il prossimo 11 marzo, in Consiglio comunale. Questi i fatti. 

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!