Ospedale di Foligno, di nuovo in piazza. Nuovo evento a settembre

Ospedale di Foligno, di nuovo in piazza. Nuovo evento a settembre

Redazione

Ospedale di Foligno, di nuovo in piazza. Nuovo evento a settembre

Nuovo evento a settembre per approfondire il tema del miglioramento del sistema sanitario regionale
Ven, 31/07/2020 - 09:30

Condividi su:


Ospedale di Foligno, di nuovo in piazza. Nuovo evento a settembre

Il centrosinistra torna a manifestare, questa volta in piazza della Repubblica, per difendere l’ospedale di Foligno. I manifestanti si sono riuniti a partire dalle 18, mentre nel Palazzo comunale era in corso il consiglio comunale in cui proprio i consiglieri di centrosinistra hanno presentato una mozione da incardinare nelle commissioni e poi in Aula.

Ospedale di Foligno: la mozione presentata in aula

L’ospedale di Foligno è il riferimento per un importantissimo bacino d’utenza – si legge nel documentoaccoglie pazienti dalle città, dalle sue frazioni e da un vasto comprensorio. Non facciamo polemica e non recriminiamo per le scelte operate in fase di emergenza covid, andiamo oltre. Due sono gli interrogativi principali sull’ospedale: ci interessa la ripresa immediata della piena funzionalità e ci preoccupiamo delle prospettive future dell’ospedale di Foligno e della sanità pubblica in Umbria“.

Mobilitazione per la sanità

Continua il percorso di mobilità del centrosinistra per la difesa, il rilancio e il potenziamento della sanità pubblica e del presidio ospedaliero di Foligno – spiega il consigliere comunale dem, Rita Barbetti –  Abbiamo infatti promosso la manifestazione che si è svolta il 30 luglio 2020 in Piazza della Repubblica, che ha registrato una significativa partecipazione pubblica. Abbiamo contestualmente presentato in Consiglio comunale una mozione su tale tema, allegata alla presente comunicazione. Continueremo la mobilitazione nel mese di settembre con un evento di approfondimento sul miglioramento del sistema sanitario regionale e su un ritorno alla piena normalità del nostro ospedale“.