Ordinanza anti prostituzione diventa 'caso', Terni top trend su Twitter - Tuttoggi

Ordinanza anti prostituzione diventa ‘caso’, Terni top trend su Twitter

Redazione

Ordinanza anti prostituzione diventa ‘caso’, Terni top trend su Twitter

Gio, 28/10/2021 - 23:13

Condividi su:


Ordinanza anti prostituzione a Terni, il web si scatena. Volti noti si scagliano contro il sindaco di Terni, Leonardo Latini

L’ordinanza anti prostituzione del sindaco di Terni, Leonardo Latini, oltre a scatenare le polemiche politiche in città, apre un caso ‘nazionale’ e Terni diventa “trend topic” su Twitter.

Ordinanza anti prostituzione nel mirino del web

L’ordinanza del sindaco Latini non ha incontrato il favore di parte dell’opinione pubblica: molti consiglieri comunali avevano espresso il loro disappunto nelle sedute di consiglio e sui social. Ciò che nessuno si aspettava, però, era che la questione diventasse un “caso” nazionale. Perché se è vero che la prostituzione è un problema che va risolto, imputare la colpa del suddetto problema ad ogni donna ternana, imponendo un codice di abbigliamento decoroso agli occhi degli uomini , non può e non deve essere la soluzione.

Twitter ‘scatenato’

“Ditemi che è uno scherzo quello che ho letto su #Terni Vi prego, ditemelo. Perché io non ci posso credere che non solo abbiano pensato a una cosa del genere, ma che soprattutto abbiano pensato fosse un’idea vincente!”.

“Praticamente, a #terni se hai la gonna troppo corta non ti azzardare a chiedere dove sia la fermata dell’autobus o rischi di essere identificata come prostituta”.

“Oramai è palese che LEGA, in #Umbria, ha un evidente problema con le donne e con la parità di genere. A #Terni si puniscono le donne, vietate gonna e scollature. 2021 o 1021?”.

Sono solo alcuni dei Tweet che impazzano sulla rete nelle ultime ore. Non mancano accostamenti della figura del sindaco (e del suo partito) con i talebani, né riferimenti a dittature e medioevo, con la consueta ironia, a volta troppo spinta, del web.

‘Vip’ contro ordinanza anti prostituzione

Ad esprimersi anche personaggi di spicco, volti noti della televisione – come Andrea Delogu che scrive “Ci sono articoli ma spero non sia vero della follia vomitevole che si sta preparando a Terni. Aspetto di capire dai giornali e giornalisti che spero si interessino immediatamente” -, ma anche esponenti delle generazioni più giovani come Aida Diouf (con oltre 630 mila follower) che sulla sua pagina IG riporta la notizia affermando che non ha fatto scalpore perché è successo in Italia “Se il titolo iniziasse con un paese musulmano ne parlerebbero tutti. Ancora una volta religione, cultura e mentalità non sono la stessa cosa”.

Affossamento DDL Zan

E l’indignazione non accenna a diminuire. Nelle ultime ore su Twitter (e non solo) centinaia di commenti si sono susseguiti, accompagnati dalla rabbia e dalla delusione degli utenti che si sentono, come scrivono, impotenti e non rappresentati. Un’ingiustizia che si somma al ben più duro colpo dato dall’affossamento in senato del DDL Zan.

La voce di Terni

A commentare la vicenda anche gli stessi ternani che con sarcasmo e ironia mostrano il loro dissenso nei confronti di un provvedimento che lederebbe i diritti delle donne.

Ordinanza anti prostituzione, Lega: “Sinistra mistifica i fatti”

Non risparmia le critiche il consigliere Alessandro Gentiletti che su Facebook scrive: “La sinistra non capisce e mistifica. Questo ci dice stasera la Lega, diramando una nota tanto indignata quanto patetica, in risposta a migliaia di cittadini che da giorni irridono e contestano sul web una ordinanza del sindaco. Un’ordinanza che tratta la prostituzione come un fatto di decoro urbano e che ci dice sostanzialmente che le prostitute le riconosciamo da come vestono e salutano. Se è vero che avete a cuore le vittime della prostituzione e volete liberarle dalla schiavitù, iniziate chiedendo di revocare un’ordinanza ridicola, che le sanziona e offende e cominciate a lavorare seriamente con politiche sociali inclusive e di supporto, coinvolgendo le tante associazioni che operano sul territorio. Diramare note stizzite contro la città, invece di ascoltarla, non solo non risolve i problemi ma li aumenta”.

I giovani democratici contro ordinanza anti prostituzione

Sulla stessa scia i Giovani democratici di Terni definiscono l’ordinanza : “misogina, che ancora una volta impone una norma sul corpo e il comportamento femminile che sarebbe un pericolo per la sicurezza stradale, oltre che per il “decoro”, termine di cui la destra si riempie la bocca ma che spesso è un involucro per concetti classisti. Perché anche nella difesa del provvedimento, il gruppo consiliare della lega dimostra o incapacità o malafede: dicono di voler difendere le ragazze dallo sfruttamento ma nell’ordinanza non si parla di combattere chi sfrutta, chi mette quelle persone sul ciglio della strada (sia una persona fisica o la povertà), ma solo di punire chi lavora e chi glielo consente”.

Il Tik Tok di Noemi Arcangeli

Ma anche fuori dalla sfera politica c’è chi dice la sua e la ventunenne ternana, Noemi Arcangeli, lo fa raccontando con un video ai suoi followers su Tik Tok (ben 255 mila persone) la realtà ternata.

di Alessia Marchetti

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!