Ordinanza anti prostituzione, Terni Valley "Punite solo le donne" - Tuttoggi

Ordinanza anti prostituzione, Terni Valley “Punite solo le donne”

Luca Biribanti

Ordinanza anti prostituzione, Terni Valley “Punite solo le donne”

Mar, 26/10/2021 - 16:19

Condividi su:


Prostituzione, il sindaco di Terni, Leonardo Latini, ha disposto un'ordinanza per prevenire il fenomeno. Terni Valley "Si colpisce libertà delle donne"

II Sindaco di Terni, Leonardo Latini ha da pochi giorni pubblicato
un’ordinanza, valida fino al 31 gennaio 2022, finalizzata al
“superamento del degrado del territorio per il decoro e la visibilità
dei luoghi”
volta al “contrasto al fenomeno della prostituzione”. Secondo quanto contenuto nel testo si specifica che il dispositivo sia valido dal 17 settembre 2021 fino al 31 dicembre 2022. Già nel 2020 erano state adottate misure contro il fenomeno ‘lucciole’.

I divieti e le vie dell’ordinanza decoro anti prostituzione

Le vie interessate dai divieti disposti dal sindaco via Lungonera Savoia, via Piave, viale Brenta, vocabolo Staino, viale Centurini, p.le Rivoluzione Francese, p.le Bosco e piazzale Caduti di Montelungo (Cimitero Comunale), dove non si potrà:

  • porre in essere comportamenti diretti in modo non equivoco ad offrire prestazioni sessuali a pagamento, consistenti nell’assunzione di atteggiamenti di richiamo, di invito, di saluto allusivo ovvero nel mantenere abbigliamento indecoroso o indecente in relazione al luogo ovvero nel mostrare nudità, ingenerando la convinzione di esercitare la prostituzione. La violazione si concretizza con lo stazionamento e/o l’appostamento della persona e/o l’adescamento di clienti e l’intrattenersi con essi e/o con qualsiasi altro atteggiamento o modalità comportamentali, compreso l’abbigliamento, che possano ingenerare la convinzione che la stessa stia esercitando la prostituzione;
  • richiedere informazioni a soggetti che pongano in essere i comportamenti consistenti nell’assunzione di atteggiamenti di richiamo, di invito, di saluto allusivo, che indossino un abbigliamento indecoroso o indecente in relazione al luogo ovvero mostrino nudità e/o di concordare con gli stessi l’acquisizione di prestazioni sessuali a pagamento;
  • alla guida di veicoli, di eseguire manovre pericolose o di intralcio alla circolazione stradale al fine di richiedere informazioni a soggetti che pongano in essere comportamenti e atteggiamenti di richiamo, di invito, di saluto allusivo, che indossino abbigliamento indecoroso o indecente o che mostrino nudità e/o di concordare con gli stessi l’acquisizione di prestazioni sessuali a pagamento.

Perché un’ordinanza decoro contro la prostituzione

Tra le varie considerazioni addotte dal sindaco in merito all’ordinanza si legge: “nel territorio comunale la prostituzione su strada, per la diffusione del fenomeno in alcune aree, pregiudica il decoro e la vivibilità urbana nonché le condizioni di vita dei cittadini, costituendo fonte di degrado
urbano ed insicurezza, come testimoniato dalla pluralità di segnalazioni, denunce ed esposti tesi a evidenziare la insostenibilità della convivenza col fenomeno”.
E ancora: “Tali fattori, producendo nei cittadini allarme sociale, generano una percezione di perdurante
lesione delle comuni norme del vivere civile, alterando quei sentimenti di convivenza civile e di coesione sociale da sempre fondamento della vita di relazione della comunità ternana”.

Terni Valley “Ordinanza ‘rivolta’ alle donne”. Non si combatte così la prostituzione

Federica Burgo vicepresidente Terni Valley punta il dito contro il contenuto dell’ordinanza, sostenendo che “è evidente che queste righe sono rivolte alle donne (il tutto è declinato al femminile) e che pertanto il sindaco ordina un
abbigliamento e un comportamento “decoroso”; colpisce a mio avviso il
qualunquismo dei verbi utilizzati: che significa “decoroso”? Cosa
distingue un atteggiamento decoroso da uno che non lo è?”.

A rimetterci sono le donne

“L’ordinanza si riferisce chiaramente al comportamento ma soprattutto
all’abbigliamento: niente leggi che perseguono con maggiore intensità
gli atteggiamenti inequivocabilmente criminali, niente incremento
della vigilanza notturna, nulla di questo genere, nessun intervento
fattivo e quantificabile: come sempre, a rimetterci sono le donne, e
un ideale di abbigliamento che non solo non è chiaro (sono quindi
vietate le gonne? E di quale lunghezza? Sono vietate le scollature, e
di quale profondità?), ma va a ledere la libertà individuale in nome
di un decoro tanto ridicolo quanto anacronistico
– seguita la Burgo – Per contrastare fenomeni come la prostituzione si interviene sull’abbigliamento delle donne, si puniscono le donne e la loro libertà di vestirsi, in linea
con un ideale di società antica e patriarcale, oltre che paternale,
che purtroppo non è nuovo a questa amministrazione comunale. La stessa
amministrazione che magari critica ferocemente chi per cultura porta
l’hijab”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!