Operato a Terni, muore in circostanze "misteriose" ad Orvieto | Si indaga per omicidio colposo - Tuttoggi

Operato a Terni, muore in circostanze “misteriose” ad Orvieto | Si indaga per omicidio colposo

Redazione

Operato a Terni, muore in circostanze “misteriose” ad Orvieto | Si indaga per omicidio colposo

Ven, 02/12/2022 - 16:33

Condividi su:


Giallo sulla 'misteriosa' morte di un paziente del Santa Maria, morto a Orvieto. Procura di Terni indaga per omicidio

Una “misteriosa” morte dopo un intervento chirurgico al Santa Maria e un ricovero all’ospedale di Orvieto ha spinto la famiglia della vittima, un uomo di 57 anni, a denunciare l’accaduto per stabilire se ci siano eventuali responsabilità da parte del personale sanitario che ha avuto in cura C.T., queste le generalità dell’uomo deceduto.

La Procura della Repubblica di Terni, accogliendo le istanze dei famigliari, ha aperto, un fascicolo di inchiesta per omicidio colposo, a carico di ignoti, coordinato dal pm Panucci. Ma andiamo con ordine, secondo quanto ricostruito dallo studio legale che segue la famiglia dell’uomo.

Operato e poi morto, ‘giallo’ tra Terni e Orvieto. Procura indaga per omicidio colposo

Si era appena operato per un problema di stenosi cervicale all’ospedale Santa Maria di Terni, pochi giorni dopo è morto, a soli 57 anni. Riscontrando l’esposto dei familiari, assistiti da Studio3A, la Procura della Repubblica di Terni, tramite il Pubblico Ministero Giorgio Panucci, ha aperto un procedimento penale, al momento contro ignoti, per l’ipotesi di reato di omicidio colposo in ambito sanitario e ha disposto l’autopsia per accertare le cause del decesso di C. T., 57 anni appunto, nato e vissuto a lungo a Napoli ma trasferitosi negli ultimi anni a Orvieto (Tr).

Intervento al Santa Maria di Terni, poi i controlli ad Orvieto

L’uomo il 10 novembre era stato sottoposto, presso il reparto di Neurochirurgia del nosocomio di Terni (in foto), a un intervento di “laminectomia decompressiva C3-C6” e il 15 novembre era stato dimesso, ma nel referto di dimissione si evidenziava la comparsa di “ipostenia a carico dell’arto superiore sinistro nel post operatorio”, per la quale si attivava un iter di fisiokinesiterapia, e la presenza di una “trombosi venosa gemellare sinistra”. Il paziente è quindi tornato a casa e si è sottoposto ai successivi controlli all’ospedale di Orvieto e, in particolare, il 24 novembre ha effettuato una visita fisiatrica presso il locale dipartimento di riabilitazione territoriale che confermava il “deficit di forza”, cioè l’ipostenia già rilevata all’atto delle dimissioni dal nosocomio ternano e di cui C. T. soffriva in effetti molto.

La corsa in ospedale e la tragica morte

Finché, all’una di notte del 27 novembre, il cinquantasettenne si è sentito male nella sua abitazione, accusava tosse violenta e sanguinamento: è stato quindi allertato il 118 e il paziente è stato trasportato in ambulanza al pronto soccorso dell’ospedale di Orvieto, dove però è improvvisamente e misteriosamente deceduto mezzora dopo il suo arrivo. “Un tragico epilogo – commentano i legali dei famigliari della vittima – di cui gli stessi medici non riuscivano a capacitarsi, tanto di comunicare ai familiari l’intenzione di procedere con un riscontro diagnostico, cioè un’autopsia interna”.

La denuncia del fratello della vittima

Uno dei figli della vittima, che risiede nel Casertano, tuttavia, ha ritenuto opportuno che si effettuasse un’autopsia giudiziaria “terza”, attraverso il consulente legale dott. Simone Sangiovanni si è rivolto a Studio3A-Valore S.p.A. e, il 28 novembre, ha presentato una denuncia-querela presso la stazione dei carabinieri di Aversa, “chiedendo per l’appunto all’autorità giudiziaria – evidenzia lo studio legale – di fare chiarezza sulle cause della prematura e inspiegabile morte del padre e su eventuali responsabilità da parte dei sanitari che lo hanno avuto in cura, tanto più alla luce del recente intervento chirurgico effettuato”.

L’autopsia per cercare la verità

Le istanze sono state accolte dalla Procura di Terni, competente per territorio, con l’apertura di un fascicolo a cura del dott. Panucci, che ha posto sotto sequestro e acquisito la documentazione clinica e ha ordinato gli accertamenti irripetibili. L’incarico per eseguire la perizia autoptica, che sarà fondamentale per ottenere le prime risposte, sarà conferito lunedì 5 dicembre, alle 11, presso Palazzo Gazzoli, ad un collegio di due consulenti tecnici formato dal dott. Roberto Scendoni, medico legale, e al dott. Diego Gattari, specialista in Anestesia e rianimazione.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!