Lirico Sperimentale, due giovani baritoni vincitori di concorso alla prima del Petruzzelli di Bari - Tuttoggi

Lirico Sperimentale, due giovani baritoni vincitori di concorso alla prima del Petruzzelli di Bari

Redazione

Lirico Sperimentale, due giovani baritoni vincitori di concorso alla prima del Petruzzelli di Bari

Mar, 24/05/2022 - 10:01

Condividi su:


Alberto Petricca nel ruolo di San Nicola protagonista dell’opera e Luca Simonetti nel ruolo del Ladro Buono nell’opera di Nicola Casagrande

La Fondazione Teatro Petruzzelli di Bari porta in cartellone come nuova produzione La notte di San Nicola, opera per ragazzi commissionata al compositore di fama internazionale Nicola Campogrande su libretto di Piero Bodrato, che andrà in scena al Teatro Petruzzelli mercoledì 25 maggio alle 18.30, sabato 28 maggio 17.00 e alle 18.30 e domenica 29 alle 18.30.

A curare la regia Walter Pagliaro,sul podio dell’Orchestra del Teatro Petruzzelli il maestro Giampaolo Pretto, maestro del Coro Fabrizio Cassi. Le scene e i costumi sono di Luigi Perego, il disegno luci di Luigi Saccomandi.

Daranno vita all’opera Alberto Petricca nel ruolo principale diSan Nicola, Michela Guarrera La bambina, Antonella Colaianni Prima giovinetta, Laura Brasò Seconda giovinetta, Ilaria Vanacore Terza giovinetta, Marco Miglietta Il padre, Giuseppe Esposito Il macellaio, William Hernandez Il ladro pratico, Diego Godoy Il capitano, Giovanni Augelli L’avaro, Luca Simonetti Il ladro buono.

Del ruolo protagonista si sa che Nickolaos, Nicola, Santa Claus, sono molti nomi per un santo conosciuto soprattutto per la sua generosità, un santo capace di ascoltare gli uomini e accorrere in aiuto attraverso miracoli leggendari, a volte spettacolari, che affondano nella tradizione popolare pugliese e non solo.

Un santo che lega popoli e genti diverse, un santo viaggiatore che, come canta la tradizione popolare, viene dal mare e al mare va.

Ed è proprio sul racconto – inventato – di una breve visita di San Nicola a Bari che si costruisce l’opera, intrecciando in un’unica storia alcuni dei miracoli più famosi attribuiti al Santo.

La vicenda si svolge durante una movimentata notte, nel corso della quale San Nicola cerca ricovero nei vicoli della città vecchia e incontra personaggi e storie di ogni tipo. È li che si trova a risolvere, con grande comprensione, generosità e un pizzico di umorismo, le situazioni più diverse: da quella dell’avaro infuriato con lui perché non ha protetto a dovere la sua abitazione, al dramma delle tre fanciulle che il padre sta per vendere, fino a quello dei marinai salvati da una tempesta e allo spaventoso episodio dei tre bambini rapiti da un macellaio con bruttissime intenzioni.

La musica composta da Nicola Campogrande alterna come nella tradizione momenti di lirismo, dolcezza, euforia, ed è concepita a pagine rapide, drammatiche, incalzanti. E i cantanti, di tanto in tanto, sono chiamati ad utilizzare anche il parlato, come prevede la forma del Singspiel, senza per questo perdere il rapporto con la grande orchestra che suona in buca e nella quale spicca il ruolo delle percussioni. Grazie allo stile intenso e vitale che ha collocato la figura di Campogrande in una posizione del tutto riconoscibile nel panorama musicale internazionale, l’opera offre arie, duetti, pezzi d’insieme particolarmente cantabili, e sfrutta intensamente anche il coro, che darà vita al popolo di Bari e ai marinai con i quali prende avvio la narrazione.

Il nome di San Nicola e la profonda devozione che lo accompagna disegnano un antichissimo percorso che lega Oriente ed Occidente, dal cuore della Russia a quello degli Stati Uniti d’America, dove lo portarono i pellegrini venuti dall’Olanda e da tutta Europa. Al centro di questa linea immaginaria, che unisce fedeli e uomini dei luoghi più distanti, c’è la città di Bari, che custodisce le sue reliquie e che oggi dedica a San Nicola un’opera lirica, appositamente commissionata al compositore Nicola Campogrande, su libretto di Piero Bodrato, autore che da alcuni anni ha affiancato alla scrittura per il cinema e la televisione, quella teatrale.

Il protagonista, Alberto Petricca, è un giovane baritono del frusinate, che fu selezionato tra gli Idonei del 75° Concorso Comunità Europea del Teatro Lirico Sperimentale nel 2021.

E proprio nella passata Stagione lirica spoletina impersonò, con grande successo di critica e pubblico, il buffo e rocambolesco protagonista dell’opera Giovanni Sebastiano, musica e testo di Gino Negri, in cui vestiva i panni di un moderno matto che credeva di essere il celeberrimo musicista tedesco Johann Sebastian Bach.

Mentre Luca Simonetti, baritono tarantino, trionfò al Concorso spoletino nel 2019, e debuttò sempre quell’anno a Spoleto nel ruolo di Don Bartolo in un divertentissimo ed eclettico Barbiere di Siviglia rossiniano con la regia di Paolo Rossi e la direzione di Salvatore Percacciolo.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!