L'INTERVISTA: GIORGIO FERRARA NUOVA GUIDA DEL FESTIVAL, VENERDI' L'INCONTRO A SPOLETO - Tuttoggi

L'INTERVISTA: GIORGIO FERRARA NUOVA GUIDA DEL FESTIVAL, VENERDI' L'INCONTRO A SPOLETO

Redazione

L'INTERVISTA: GIORGIO FERRARA NUOVA GUIDA DEL FESTIVAL, VENERDI' L'INCONTRO A SPOLETO

Mar, 27/11/2007 - 11:55

Condividi su:


Un incarico prestigioso, ma anche difficile, soprattutto perché arriva dopo dieci anni di andamento “scarso”. Eppure, nonostante tutto, Giorgio Ferrara, al telefono, non fa trapelare preoccupazione, anzi, si dice pronto ad entrare in gioco e a dare un fattivo contributo per ridare slancio ad una manifestazione conosciuta nel mondo ma un po' opacizzata. “Ringrazio molto il ministro Rutelli e il sindaco di Spoleto – dice – per il prestigioso incarico. Lo reputo una sfida appassionante. Stiamo parlando di un grande festival internazionale e di una città qual è Spoleto, che io amo profondamente. Ho debuttato come aiuto regista di Luca Ronconi nel 1968 alla chiesa di San Nicolò e a Spoleto mi lega un meraviglioso ricordo. Ci sono tornato per realizzare un film-documentario sul mio Maestro Luchino Visconti e qui, in Umbria, ho una casa dove, con mia moglie Adriana Asti, veniamo a passare le vacanze da 35 anni. Amo l'Umbria, questa regione meravigliosa, e qui mi sento un po' a casa mia. E il fatto di venirci ora a lavorare mi fa un gran piacere”.

Cosa la rende così tranquillo?

“Il fatto che in questi anni ho accumulato esperienza. Oltre a fare il mio mestiere di regista, ho diretto l'Istituto Italiano di Cultura di Parigi. In più va detto che le risorse del ministero sono buone, che il ministro ci tiene moltissimo e che si è creata una buona sinergia con il sindaco”.

Come intende caratterizzare il suo Festival?

“Ancora è tutto prematuro. Mi incontro venerdì a Spoleto con il sindaco, con i rappresentanti del ministero per vagliare la situazione. Cercherò di fare un festival che non faccia rimpiangere il festival di Giancarlo Menotti. Mi piacerebbe un festival che duri più che un'estate. Un ragionamento lungo che possa servire a tutto il territorio”.

di MARIA MAZZOLI

(Estratto da Il Giornale dell'Umbria – edizione del 27 novembre 2007)

Gli Articoli correlati di Tuttoggi.info

GIORGIO FERRARA E' NUOVO PRESIDENTE E DIRETTORE DEL FESTIVAL. A MENOTTI LA PRESIDENZA ONORARIA (clicca qui )

FESTIVAL DEI DUE MONDI: ARRIVA CORDERO DI MONTEZEMOLO. ANCHE DONGHI CANDIDATO ALLA DIREZIONE (clicca qui )

FESTIVAL: I PRIMI COMMENTI ALLA NOMINA DI GIORGIO FERRARA (clicca qui )


Condividi su:


Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!