“Le strade raccontano”, un tuffo nella memoria della città scolpita su pietra

“Le strade raccontano”, un tuffo nella memoria della città scolpita su pietra

Domenica 27 maggio passeggiata in centro storico per conoscere personaggi, eventi e luoghi che hanno fatto la storia tra ‘800 e ‘900 | L’iniziativa promossa da Istituto “Venanzio Gabriotti” e Fai tifernate

share

Un tuffo nella storia di oltre un secolo fa scolpita su pietra. Si intitola “Le strade raccontano. Una passeggiata nel centro storico tifernate per conoscere personaggi, eventi e luoghi che hanno fatto la storia tra Ottocento e Novecento” l’evento in programma domenica 27 maggio, promosso dall’Istituto di Studi Politici e Sociali “Venanzio Gabriotti” in collaborazione con il Gruppo Fai Città di Castello, con il patrocinio del Comune di Città di Castello.

L’obiettivo dell’iniziativa è quello di (ri)scoprire, far conoscere e valorizzare una serie di avvenimenti storici scolpiti su pietra e affissi lungo le strade del centro storico oppure rappresentati da sculture, che spesso passano inosservate. Lo spunto nasce da un lavoro di Francesca Mavilla, pubblicato nel quaderno n°13 dell’Istituto Gabriotti e intitolato “Percorsi nella memoria: un itinerario tra monumenti, lapidi e cippi nel territorio di Città di Castello”.

L’evento prevede una passeggiata guidata nel centro storico alla scoperta di testimonianze che raccontano fatti e personaggi più o meno noti della storia tifernate a cavallo tra i due secoli: dalle piene del Tevere ai protagonisti del Risorgimento, dal Ventennio fascista agli artisti e letterati che hanno dato lustro alla città, ma che spesso sono sconosciuti ai più.

Il percorso guidato, condotto dai volontari del Fondo Ambiente Italiano e dell’Istituto Gabriotti, avrà una durata di circa un’ora e mezza. Le visite partiranno ogni 20-30 minuti circa al formarsi di gruppi da 25 persone; l’ultima partenza è prevista alle 17.30. L’appuntamento è domenica 27 maggio dalle 16 in poi: il ritrovo è in piazza Gabriotti davanti ai Giardini del Cassero.

Per la partecipazione è richiesto un contributo libero. Per tutte le informazioni è possibile scrivere alla mail cittadicastello@gruppofai.fondoambiente.it o alla pagina del gruppo Facebook Gruppo FAI Città di Castello.

share

Commenti

Stampa