Lavoratori precari, "bilancio comune dissestato da vecchie amministrazioni" - Tuttoggi

Lavoratori precari, “bilancio comune dissestato da vecchie amministrazioni”

Redazione

Lavoratori precari, “bilancio comune dissestato da vecchie amministrazioni”

Parla l'assessore Bertinelli | Comune vanta 11 milioni di credito da partecipate
Mar, 01/12/2015 - 21:28

Condividi su:


Lavoratori precari a rischio licenziamento? Anticipazioni di cassa e ritardi nei pagamenti dei fornitori? Colpa delle vecchie amministrazioni. Così replica l’assessore al bilancio del Comune di Perugia, Cristina Bertinelli, parlando di “polemiche strumentali e cariche di vuota demagogia, in gran parte non corrispondenti al vero”. A metterci lo zampino per peggiorare la situazione ci si mette anche la legge nazionale: la nuova norma infatti dispone il divieto di assunzione del personale in caso di ritardo nei pagamenti superiore ai 60 giorni (mentre erano 90 giorni per il 2014) che è stata introdotta con il DL del 24 aprile 2014 n.66. “A differenza di quanto affermato dagli esponenti della minoranza, l’indice di tempestività dei pagamenti del Comune di Perugia è tutt’altro che peggiorato rispetto al passato: nel 2013 il ritardo medio nei tempi di pagamento era di 81 giorni, nel 2014 di 79 giorni, mentre nell’anno in corso la tendenza è al miglioramento della tempistica”.

Non basta: Bertinelli parla di un “vero e proprio dissesto” lasciato a Palazzo dei Priori in eredità alla giunta Romizi. “In particolare, si ricorda che l’anticipazione di tesoreria lasciata dal Sindaco Boccali ammontava a € 37 milioni circa con un costo per interessi passivi di oltre € 1,2 milioni e il rendiconto 2014 ha chiuso con un disavanzo di 35 milioni che grazie al lavoro dell’attuale Giunta sarà recuperabile in 28 anni (un ventottesimo dello stesso, pari ad euro 1 milione e 250 mila euro, troverà copertura già dal 2015)”.

Le partecipate come Umbria Mobilità, Gesenu e Umbra Acque avrebbero poi complicato la situazione, a causa dell’incasso dei crediti ormai “obsoleti”. Il Comune vanta crediti che complessivamente oltrepassano la soglia degli 11 milioni e che sono riconducibili ad anni pregressi ormai lontani, a forte rischio d’incasso.  “Preme sottolineare come la precedente amministrazione – continua Bertinelli – aveva anche provveduto ad incrementare la tariffa d’igiene urbana dal 2010 al 2013 di  oltre 10 milioni di euro con un ulteriore costo interamente a carico dei perugini che, fino all’anno 2014, hanno anche dovuto sobbarcarsi la morosità di altri concittadini, poiché nulla era stato stanziato per il fondo crediti di dubbia esigibilità. Se a questo si aggiungono le sempre crescenti riduzioni che il Governo centrale sta attuando nei trasferimenti a favore degli Enti Locali, che negli ultimi anni hanno registrato per il Comune di Perugia contrazioni di oltre il 60% (Fonte Il Sole 24 Ore), la situazione appare sicuramente complessa e superabile solo grazie al cambio di rotta che si sta mettendo in atto con l’attuale legislatura e non certo con le sterili polemiche di chi sa bene chi sono i veri autori delle problematiche che oggi stiamo affrontando”, conclude l’assessore.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!