"Spoleto vista da noi" il laboratorio di video making per gli studenti del convitto INPS - Tuttoggi

“Spoleto vista da noi” il laboratorio di video making per gli studenti del convitto INPS

Redazione

“Spoleto vista da noi” il laboratorio di video making per gli studenti del convitto INPS

Nel progetto promosso e ideato da ABC e Famiglie coinvolte diverse associazioni e il Tribunale dei minori di Perugia
Gio, 20/02/2020 - 10:53

Condividi su:


“Spoleto vista da noi” il laboratorio di video making per gli studenti del convitto INPS

Il giorno 18 febbraio 2020, si è svolto al Convitto unificato INPS, l’incontro di presentazione del progetto “Spoleto vista da noi”, promosso da ABCeFamiglie.

I progetto vede protagonisti attivi, oltre al promotore, anche la cooperativa Colibrì, il Tribunale dei minori di Perugia , TuttOggi.info, il Comitato Centro Storico di Spoleto e lo stesso convitto studentesco.

Gli obiettivi di questo progetto sono vari:

  • promuovere la conoscenza nella e della città, affinché i ragazzi convittori possano avere altri punti di vista;
  • Stimolare la partecipazione e il coinvolgimento individuale per rendere i ragazzi responsabili, creativi, attivi a livello sociale.

Dopo una prima fase di conoscenza e suddivisione dei gruppi, si avvierà una fase di esplorazione del territorio con la realizzazione di video cortometraggi che rappresentino il territorio spoletino, visto con gli occhi dei ragazzi.

Alla fine del laboratorio verrà premiato il lavoro maggiormente apprezzato.

L’associazione ABCeFamiglie, nelle persone di Emanuela Bisogni e Monica Proietti Picotti, ringrazia il presidente del Tribunale dei Minori, Sergio Cutrona, il Professor Milella, la dirigente del Convitto Inps, Cuccagna gli educatori del Colibrì Beatrice Bellini e Patrizia Alga, il direttore editoriale di TuttOggi.info Leonardo Perini oltre a Rita Correnti e Luigi Battaglini del Comitato Centro Storico di Spoleto.

Il Convitto Unificato di Spoleto che ospita il laboratorio didattico per i propri studenti, offre vitto e alloggio ai ragazzi delle scuole del primo e del secondo ciclo scolastico oltre a prestazioni come escursioni, attività sportive e di svago, assistenza socio-educativa e psicologica.


Condividi su:


Aggiungi un commento