Il Festival dei Due Mondi incontra le famiglie ucraine presenti sul territorio

Il Festival dei Due Mondi incontra le famiglie ucraine presenti sul territorio

Redazione

Il Festival dei Due Mondi incontra le famiglie ucraine presenti sul territorio

Mar, 19/04/2022 - 10:37

Condividi su:


Un incontro all’insegna della solidarietà e dell’integrazione quello svoltosi nel pomeriggio Pasquetta alle ore 17 presso il chiostro di San Pietro

Un incontro all’insegna della solidarietà e dell’integrazione quello svoltosi nel pomeriggio Pasquetta alle ore 17 presso il chiostro di San Pietro al quale hanno preso parte Paola Macchi, direttrice amministrativa e organizzativa del Festival dei Due Mondi, le assessore Luigina Renzi e Agnese Protasi in rappresentanza del Comune di Spoleto, Don Edoardo Rossi, Direttore della Caritas diocesana di Spoleto-Norcia, Mario Lucidi, dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo “Spoleto 2”, Ninzia Nigro per Europa InCanto, le famiglie e bambini ucraini presenti sul territorio, nonchè i ragazzi delle classi aderenti al progetto didattico del Festival “Dialoghi sinfonici” che, nei prossimi mesi, coinvolgerà le scuole del territorio.

L’appuntamento è stato l’occasione per consegnare gratuitamente ai bambini ucraini e alle loro classi di appartenenza il libro di Nunzia Nigro sulla Turandot di Giacomo Puccini, tra i materiali del percorso musicale a cui potranno prendere parte fino a giugno. Le scuole aderenti al progetto saranno coinvolte con un incontro di formazione, lezioni di approfondimento e laboratori per avvicinarsi alla conoscenza e all’ascolto della musica, fino all’esecuzione pubblica dell’aria Nessun Dorma nell’ambito della sessantacinquesima edizione del Festival.

Nel segno di una Pasqua solidale, infine, alcuni giocattoli e uova di cioccolato sono stati donati ai bambini presenti.

Paola Macchi, promotrice del progetto, commenta: «è stato particolarmente toccante e commovente incontrare questi bambini e le loro mamme per regalare loro un momento di gioia, ma soprattutto aiutarli concretamente sia attraverso i proventi del concerto di Pasquetta sia grazie al progetto “Dialoghi sinfonici” che dimostra la vicinanza del Festival alla loro comunità attraverso un percorso di integrazione che si avvale della musica come strumento di inclusione scolastica e sociale. Il percorso che questi giovani intraprenderanno, unitamente ad alcuni bambini di Roma, li porterà sul palco del Festival di Spoleto per cantare insieme il Nessun Dorma, aria pucciniana che, in questo momento storico così buio e triste, funge anche da monito».

Al termine dell’incontro, il gruppo si è recato presso il Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti per assistere allo spettacolo di beneficenza Dialoghi sinfonici – La Sinfonia n. 5 di Ludwig van Beethoven, i cui proventi saranno interamente devoluti alla Caritas diocesana di Spoleto-Norcia che si occupa dell’assistenza e supporto alle famiglie ucraine rifugiate in territorio spoletino.

L’orchestra Europa InCanto, diretta da Germano Neri, ha eseguito le celebri note della Quinta op. 67 di Beethoven il cui incipit perentorio, icastico e folgorante è conosciuto in tutto il mondo. Il pubblico in sala ha partecipato a un’esperienza completamente nuova di ascolto della musica sinfonica grazie all’interazione con un attore.

L’appuntamento di Pasquetta e l’intero progetto è realizzato in collaborazione con Associazione Musicale Europa InCanto che nasce nel 2012 proprio con l’intento di formare e sensibilizzare i giovani a tutto ciò che è arte e cultura, con una attenzione particolare al mondo dell’opera. Sviluppa progetti a carattere culturale, musicale e didattico, favorendo importanti collaborazioni con il Teatro di Roma, Fondazione Teatro di San Carlo di Napoli, Teatro Eliseo di Roma, Fondazione Teatro Comunale di Bologna ed altre istituzioni musicali italiane. Nel 2013 riceve il Premio Illica e in seguito riceve il riconoscimento di “Progetto di eccellenza” da parte del Ministero della Pubblica Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Durante l’edizione 2017/2018 riceve il patrocinio da parte del Senato della Repubblica e, nello stesso anno, nasce EICO (Europa InCanto Orchestra) formata da giovani musicisti dai 18 ai 35 anni.

Numerosi sono anche i traguardi ottenuti su scala europea. È vincitrice di progetti di Europa Creativa, collabora con partner artistici internazionali e partecipa alla conferenza “High-level on cultural heritage in Europe” con “Aida”, presso il Parlamento Europeo a Bruxelles.

(foto Alessio Vissani)

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!