A Gubbio il 'Museo dei mestieri in bicicletta' - Tuttoggi

A Gubbio il ‘Museo dei mestieri in bicicletta’

Davide Baccarini

A Gubbio il ‘Museo dei mestieri in bicicletta’

La prestigiosa esposizione di 90 bici d'epoca si è trasferita da Fabriano ai locali di via XX settembre
Dom, 09/08/2020 - 17:00

Condividi su:


A Gubbio il ‘Museo dei mestieri in bicicletta’

A Gubbio ha aperto da oggi (domenica 9 agosto) il Museo dei mestieri in bicicletta.

Il trasferimento da Fabriano a Gubbio

La collezione di Luciano Pellegrini si è trasferita in Umbria da Fabriano (dove garantiva almeno 7mila visitatori l’anno), a causa di sopraggiunte difficoltà nel rinnovare la gestione dello storico locale di via Gioberti.

Grazie ad un accordo tra l’imprenditore Giuliano Trippetta ed il proprietario delle biciclette Pellegrini, che prevede un contratto di 8 anni, la prestigiosa esposizione ha trovato dunque la sua nuova sede in via XX settembre, nel pieno centro storico della Città dei Ceri.

Il collezionista

Luciano Pellegrini, nel giro di pochi anni, è riuscito nell’impresa di ricostruire uno spaccato della storia dell’economia nazionale degli anni passati, soprattutto del secondo dopoguerra, che ha avuto nella bicicletta il mezzo principale con cui potersi realizzare.

Il fabrianese ha fatto il giro dell’Italia per poter acquisire la bicicletta dello spazzacamino, del cocciaro, del ciabattino, del pompiere, dello sciuscià, del vetraio, del disinfestatore, realizzando una collezione d’epoca unica nel suo genere.

Il Museo dei mestieri in bicicletta

Le bici esposte, circa 90, sono l’esempio di fantasia e praticità, nelle loro modifiche e adattamenti. Tutto secondo la necessità dell’artigiano. E’ possibile vedere anche quella del venditore di giocattoli, del cinematografo ambulante, del robusto portapacchi delle poste e del venditore di gelati. Con tutte le sue statuine, poi, anche quella del presepe ambulante.

Il percorso espositivo è arricchito anche da foto d’epoca in bianco e nero e ricostruisce l’ambiente sociale e culturale in cui gli artigiani e le loro biciclette si muovevano. Nella prima metà del novecento la bicicletta serviva per spostarsi nel territorio e svolgere la propria attività direttamente “a domicilio” o nelle strade e piazze di paesi e città.

Info

E’ possibile prenotare visite guidate ed effettuare anche pranzi e cene con degustazione all’interno dei locali della nuova sede eugubina (3317857128). Il Museo dei mestieri in bicicletta sarà aperto dal martedì alla domenica dalle ore 10 alle ore 19. Chiuso il lunedì.