Gubbio, al Mazzatinti la "Giornata del ricordo" con "Re Land"

Gubbio, al Mazzatinti la “Giornata del ricordo” con “Re Land”

Redazione

Gubbio, al Mazzatinti la “Giornata del ricordo” con “Re Land”

Le celebrazioni del polo liceale eugubino nel commemorare le vittime delle foibe
Dom, 09/02/2020 - 09:25

Condividi su:


Gubbio, al Mazzatinti la “Giornata del ricordo” con “Re Land”

Sarà la tragica e triste storia di una giovane studentessa, Norma Cossetto, a guidare l’approfondimento degli studenti del “Mazzatinti” relativamente alla giornata del Ricordo, che sarà celebrata lunedì 10 febbraio in entrambe le sedi.

La ricorrenza

Il giorno del ricordo istituito con la legge n. 92 del 30 marzo 2004, ha l’obiettivo di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale.

Il film scelto

Il film scelto per la giornata è “Red Land” prodotto da Rai Cinema e già trasmesso da Rai tre lo scorso anno l’8 febbraio2019 e narra la vicenda di Norma Cossetto alla quale nel 2005 venne conferita la medaglia d’oro al valor civile dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. La trama del film: il 25 luglio 1943 Benito Mussolini viene arrestato e l’8 settembre si annuncia l’armistizio di Cassibile, firmato il 3 settembre, che condurrà al caos. Il Regio Esercito non sa più chi è il nemico e chi l’alleato e ciò porta i soldati ad essere abbandonati a se stessi nei vari teatri di guerra. Le popolazioni civili Istriane, Fiumane, Giuliane e Dalmate si trovano ad affrontare un difficile rapporto con i partigiani jugoslavi (guidati da Josip Broz Tito), che avanzano in quelle terre combattendo contro i nazifascisti. In questo drammatico contesto storico avrà risalto la figura di Norma Cossetto, giovane studentessa istriana, laureanda in filosofia all’Università di Padova, arrestata e uccisa dopo aver subito violenze da parte dei partigiani a causa del padre, che era un dirigente locale del partito fascista.

via dell’Arboreto

Le classi quinte della sede Arboreto, durante le ore di storia, partiranno dalla vicenda della Cossetto per contestualizzare gli avvenimenti che hanno portato nel 2004 lo Stato italiano a legiferare sul “giorno del ricordo”. Questo per dare una base di consapevolezza ai ragazzi per analizzare gli avvenimenti nella maniera più rigorosa possibile. Durante l’anno scolastico si utilizzerà un percorso storiografico preparato dall’ISUC della nostra Regione per proseguire il lavoro: “Le foibe. Una storia dai confini mobili” che vede fra gli autori lo storico umbertidese Giovanni Codovini.

Aggiungi un commento