Gli umbertidesi del "Gruppo Cremona" omaggiati ad Alfonsine - Tuttoggi

Gli umbertidesi del “Gruppo Cremona” omaggiati ad Alfonsine

Redazione

Gli umbertidesi del “Gruppo Cremona” omaggiati ad Alfonsine

Celebrato il 70esimo anniversario della liberazione della città ravennate / Ricordati i 24 giovani altotiberini che nel '45 combatterono contro i tedeschi sul fiume Senio
sabato, 11/04/2015 - 10:05

Condividi su:


Gli umbertidesi del “Gruppo Cremona” omaggiati ad Alfonsine

C’era anche Umbertide alle celebrazioni per il 70esimo anniversario della liberazione di Alfonsine e della battaglia del Senio, tenutesi ieri mattina nel comune ravennate. Rappresentata dal gonfalone e dal sindaco Marco Locchi, Umbertide ha voluto rendere omaggio ai 24 giovani umbertidesi facenti parte del gruppo “Cremona” che, il 10 aprile del 1945, combatterono a fianco degli Alleati sul fiume Senio, liberando Alfonsine dall’occupazione tedesca.

Durante le celebrazioni sul Sacrario di Camerlona, insieme al sindaco di Alfonsine Mauro Venturi, erano presenti autorità e delegazioni provenienti da Emilia-Romagna, Marche, Toscana e Umbria, rappresentata dai Comuni di Umbertide, Spello, Foligno e Terni oltre che da delegazioni dell’Anpi e da comuni cittadini.

La cerimonia, dopo l’omaggio ai caduti, si è spostata nel cuore di Alfonsine dove autorità militari e civili, rappresentanti dell’Anpi e delle associazioni di combattenti, studenti e cittadini hanno dato vita ad un lungo corteo che ha percorso le strade della città e reso omaggio al Sacrario dei caduti partigiani, fino a raggiungere Piazza Gramsci. Qui le celebrazioni sono state aperte dai ragazzi della consulta delle scuole medie di Alfonsine che hanno letto alcuni messaggi di pace, seguiti dai saluti dei sindaci dei Comuni di Spello, Toritto e San Gimignano e dagli interventi del sindaco di Alfonsine e del presidente nazionale dell’Anpi Carlo Smuraglia.

Oggi è un giorno di festa per tutti gli alfonsinesi, e sono alfonsinesi anche tutti quei giovani provenienti da Umbria, Marche, Toscana ed Emilia Romagna che combatterono per liberare la nostra città – ha detto il primo cittadino Venturi – La memoria antica di 70 anni fa non ha ancora perso la freschezza e lo si vede dagli occhi dei combattenti cremonini che oggi hanno ancora la forza dei loro vent’anni”.

E’ emozionante che tante persone siano qui a celebrare questo anniversario nonostante siano passati così tanti anni – ha aggiunto Smuraglia – Un paese che non ricorda la sua storia è destinato a morire, ma la memoria ha molti nemici, lo scorrere del tempo, l’oblio, la dimenticanza, la non conoscenza dei fatti; è per questo che la memoria va rinforzata e riattivata, perché è con la memoria che si vincono le battaglie più difficili. Oggi siamo qui per ricordare i nostri caduti e i combattenti della brigata Cremona che contò 208 morti e 600 feriti; è a loro che dobbiamo la nostra vita”.

A conclusione delle celebrazioni gli studenti hanno fatto volare in cielo decine e decine di palloncini colorati lanciando così il loro messaggio di pace e di speranza.


Condividi su:


Aggiungi un commento