FOLLIE ALLA GUIDA IN CENTRO STORICO: IN AUTO O MOUNTAIN BIKE, PURCHE’ SI INFRANGA LA LEGGE. E CHI LO DICE CHE MANCANO I PARCHEGGI? LE ULTIME MANOVRE A C…ODA DI GATTO (Foto dossier) - Tuttoggi.info

FOLLIE ALLA GUIDA IN CENTRO STORICO: IN AUTO O MOUNTAIN BIKE, PURCHE’ SI INFRANGA LA LEGGE. E CHI LO DICE CHE MANCANO I PARCHEGGI? LE ULTIME MANOVRE A C…ODA DI GATTO (Foto dossier)

Redazione

FOLLIE ALLA GUIDA IN CENTRO STORICO: IN AUTO O MOUNTAIN BIKE, PURCHE’ SI INFRANGA LA LEGGE. E CHI LO DICE CHE MANCANO I PARCHEGGI? LE ULTIME MANOVRE A C…ODA DI GATTO (Foto dossier)

Mer, 20/01/2010 - 01:30

Condividi su:


Di manovre a coda di gatto – per lasciar riposare almeno una volta il membro del povero segugio, divenuto barzotto tanto è ormai evocato da tutti – se ne registrano quotidianamente lungo tutte le strade del mondo. Ma da qualche tempo in qua, lungo la centralissima Via Minervio, a pochi passi dal Teatro Nuovo di Spoleto, è pressochè impossibile non imbattersi con i maleducati della strada, automobilisti e non solo. E non c'è da prendersela con il gentil sesso, né con turisti sprovveduti. Le 'scorribande' lungo questa parte del salotto buono cittadino, son pressochè tutte firmate da maschietti locali. Chi 'giustificato' dalla fretta, chi dal lavoro, chi ancora dal provare qualche forte emozione. L'essenziale è trasgredire, in barba alla sicurezza dei passanti e con evidenti danni al suolo pubblico.

Nel giro di pochi giorni, TO® è riuscito a realizzare un vero e proprio foto dossier: che sia di giorno o di notte, la piccola stradina che conduce verso la Rocca Albornoziana, registra le peggiori follie. L'ultima, in ordine di tempo, quella del proprietario di una monovolume Citroen che, in retromarcia, è arrivato davanti all'ingresso secondario della CaRiSpo, per avvicinarsi presumibilmente il più possibile alla propria abitazione. Ma la manovra a probiscide di elefante è ormai una consuetudine. E a nulla sono valsi gli appelli di residenti e commercianti, riusciti nei mesi scorsi a convincere la Polizia Municipale ad installare un bel cartello di divieto di accesso alla strada. Così è infatti per un vigilantes che, a qualche passo a piedi, ha preferito violare il divieto. Come pure per l'autista di un furgone. Ma i conducenti delle quattro ruote sono in buona compagnia. Diversi infatti gli appassionati di mountain bike che, attraversato Corso Mazzini, si lanciano lungo le scalette davanti alla Chiesa di San Filippo, percorrono Via Minervio, di nuovo la scalinata che conduce alla Torre dell'Olio e giù, giù fino a Piazza Garibaldi.


Condividi su:


ACCEDI ALLA COMMUNITY
Leggi le Notizie senza pubblicità
ABBONATI
Scopri le Opportunità riservate alla Community
necrologi_spoleto

L'associazione culturale TuttOggi è stata premiata con un importo di 25.000 euro dal Fondo a Supporto del Giornalismo Europeo - COVID-19, durante la crisi pandemica, a sostegno della realizzazione del progetto TO_3COMM

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!


    trueCliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

    "Innovare
    è inventare il domani
    con quello che abbiamo oggi"

    Grazie per il tuo interesse.
    A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!