Faglie attive e capaci, si cercano esperti per lo studio - Tuttoggi

Faglie attive e capaci, si cercano esperti per lo studio

Redazione

Faglie attive e capaci, si cercano esperti per lo studio

L'approfondimento sulle faglie, finalizzato alla ricostruzione, interesserà i comuni di Capitignano, Montereale, Barete, Pizzoli, Cantalice, Cittaducale, Leonessa, Rivodutri e Norcia
Ven, 27/12/2019 - 12:37

Condividi su:


Faglie attive e capaci, si cercano esperti per lo studio

Nuovo tassello nel percorso della ricostruzione in sicurezza. Come previsto dall’ordinanza 83/2019 del Commissario alla Ricostruzione Piero Farabollini, è stato istituito l’Elenco Speciale degli operatori che si occuperanno dello studio delle faglie attive e capaci (FAC).

L’approfondimento, che ha finalità di tutela della popolazione dei siti instabili in fase di ricostruzione, interesserà i territori dei comuni di Capitignano, Montereale, Barete e Pizzoli (Abruzzo), Cantalice, Cittaducale, Leonessa e Rivodutri (Lazio) e Norcia (Umbria).

Il perché dello studio sulle faglie

Lo studio sulle faglie attive e capaci si è reso necessario ai fini dell’integrazione degli strumenti di programmazione e pianificazione urbanistica laddove gli studi di microzonazione sismica di livello 3, condotti dal CMS, hanno mostrato la presenza di faglie attive e capaci.

La manifestazione di interesse è aperta fino al prossimo 15 gennaio 2020. Moduli di iscrizione e dettagli sul portale di Invitalia (https://gareappalti.invitalia.it/tendering/tenders/000213-2019/view/detail/1) che gestirà il flusso delle richieste di iscrizione all’elenco di operatori economici qualificati cui attingere per poter procedere agli affidamenti: Dipartimenti universitari, Enti di ricerca, Laureati in geologia con iscrizione, in corso di validità, all’Albo dei geologi.

I requisiti richiesti

Sono richiesti:

  • comprovata conoscenza della geologia e dell’evoluzione geodinamica dell’Appennino centrale, con particolare riferimento al quadro cinematico attuale;
  • comprovata conoscenza della stratigrafia e dell’evoluzione geologica del Quaternario dell’Appennino centrale, con particolare riferimento al pleistocene Superiore-olocene;
  • comprovata esperienza nel campo della geologia Strutturale, Geofisica di esplorazione e della Geomorfologia;
  • comprovata esperienza in studi finalizzati all’individuazione e parametrizzazione di faglie attive e capaci;
  • comprovata esperienza negli studi di Paleosismologia e geocronologia del Quaternario ed in particolare nella progettazione, esecuzione ed interpretazione di trincee paleosismologiche.

Al momento della presentazione della manifestazione di interesse, pena di mancata iscrizione all’Elenco o di conseguente cancellazione dall’Elenco stesso, l’operatore economico dovrà essere in possesso dei seguenti requisiti previsti dall’articolo 5, co. 2, dell’Ordinanza n. 83/2019:

  • avvenuto svolgimento, negli ultimi dieci anni, studi in materia di Faglie Attive e Capaci oggetto di pubblicazione scientifica, ovvero regolarmente trasmessi ed approvati dal Committente.
  • avvenuto svolgimento di attività di rilevamento geologico, geologico-strutturale, geomorfologico e morfoneotettonico nell’ambito del progetto CARG (cartografia geologica e geotematica).
  • avvenuto svolgimento di studi paleosismologici mediante progettazione, esecuzione ed interpretazione di trincee paleosismologiche.
  • avvenuto svolgimento di attività di implementazione di banche dati geografiche e/o Sistemi Informativi Territoriali (S.I.T.) in ambiente G.I.S.

Farabollini: “Sicurezza sismica obiettivo da perseguire per portare alla prevenzione”

Abbiamo ritenuto doveroso attenzionare ancora una volta i siti particolarmente instabili così da offrire alla popolazione la possibilità di valutare con le proprie Istituzioni, modalità ed opportunità della ricostruzione” commenta il Commissario Farabollini. “La sicurezza sismica è un obiettivo da perseguire per essere certi che la ricostruzione sia frutto anche della prevenzione, la sola che possa offrire, con un nuovo tetto, una persistente ed indispensabile tranquillità alla popolazione terremotata”.

Aggiungi un commento

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.
"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!