Europa Verde: “I ragazzi che scendono in piazza hanno ragione”

Europa Verde: “I ragazzi che scendono in piazza hanno ragione”

Presentata la lista: agricoltura sana e allevamenti non intensivi per un modello di sviluppo bellissimo

share

Noi siamo dalla parte di chi vuole una Regione diversa, dalla parte di chi pensa che i ragazzi che stanno scendendo in piazza abbiano ragione. Vogliamo rispondere alle loro istanze, anche portando nelle istituzioni giovani come Lorenzo Santilli”. Così Gianfranco Mascia, commissario di Europa Verde per l’Umbria, presentando la lista per le europee. Una presentazione fatta insieme all’Onda che Europa Verde sta portando in giro per l’Italia. E al candidato presidente, Vincenzo Bianconi.

Il futuro di Europa Verde Umbria – dichiara Elena Grandi, coportavoce dei Verdi ed esponente di Europa Verde – sarà un futuro importante perché potrà raccontare un progetto di cui tutti abbiamo bisogno: l’agricoltura sana, senza l’uso di veleni così che possa guadagnarne in qualità; l’allevamento non intensivo per il benessere delle persone e degli animali. L’Umbria ha sofferto in questi anni: iniziamo a raccontare come nel recupero dei territori, del dissesto idrogeologico e delle aree terremotate, possiamo finalmente ridare dignità e storia a questa splendida regione e, contemporaneamente, risollevare l’occupazione creando sviluppo sostenibile. Partiamo dall’Umbria – conclude Grandi – per mostrare a tutta l’Italia un modello di vita e di sviluppo nuovo e bellissimo, l’unico su cui possiamo davvero contare”.

Avere a cuore il pianeta e la nostra regione: è con questi valori che portiamo avanti la battaglia per le elezioni regionali. Nel programma che abbiamo messo a punto insieme – afferma Vincenzo Bianconi, candidato a presidente della Regione Umbria – c’è molto della causa ambientalista che, grazie a un lavoro capillare sul territorio, sta diventando sempre più cultura di tutti. Abbiamo una visione di questa regione proiettata al futuro, con uno spirito nuovo, con l’ambiente al centro delle politiche di sviluppo. L’ambiente perché è un valore per noi e e per i nostri figli, lo è per il lavoro, per le imprese, per il futuro. Abbiamo l’obiettivo – conclude Bianconi – di far diventare questa regione il miglior posto al mondo in cui vivere”.

share

Commenti

Stampa