Sostiene esame di maturità dal letto di ospedale, il giorno speciale di Arianna - Tuttoggi

Sostiene esame di maturità dal letto di ospedale, il giorno speciale di Arianna

Davide Baccarini

Sostiene esame di maturità dal letto di ospedale, il giorno speciale di Arianna

La tenace studentessa della 5^ C del Liceo delle Scienze Umane "Mazzatinti" ha brillantemente superato l'esame di stato dal Santa Maria delle Misericordia
Gio, 02/07/2020 - 19:08

Condividi su:


Sostiene esame di maturità dal letto di ospedale, il giorno speciale di Arianna

E’ in ospedale dai primi giorni di maggio ma, nonostante la malattia con cui sta combattendo, è riuscita comunque a sostenere il suo esame di maturità “a distanza”.

Lei è Arianna Pabon Cruz, tenace studentessa della classe 5^ C del Liceo delle scienze Umane che, grazie alla sinergia messa in campo dall’Istituto Mazzatinti di Gubbio e dall’USR (Ufficio Scolastico Regionale), con l’ispettrice Sabrina Boarelli, ha superato brillantemente l’esame di Stato dal letto dell’ospedale “Santa Maria della Misericordia” di Perugia, dove si trova tuttora ricoverata.

Il presidente di Commissione prof. Leano Garofoletti, assistito in presenza dai docenti Girlanda, Polidori, Rosati, Fiorucci, Ottaviani e Scassellati, si è collegato in meet a mezzogiorno in punto con l’ospedale, dove ad attenderli c’era Arianna, truccata e vestita, con la prof.ssa Scarabottini della scuola ospedaliera che assisteva alla prova.

Commossa ed emozionata Arianna ha salutato la preside del Mazzatinti Maria Marinangeli che, collegata da Gubbio, ha seguito l’esame. La giovane ha discusso il suo elaborato di indirizzo e poi si è soffermata su Leopardi, commovendosi sulla narrazione dell’”Infinito”. Ha esposto con grazia la sua esperienza di Alternanza scuola/lavoro ed ha chiosato con un riferimento alla filosofia di Nietzsche.

Alla fine, ancora un saluto commosso ai suoi docenti, alla dirigente e poi alle collaboratrici scolastiche, fatte entrare dal presidente nell’aula d’esame. E fra abbracci e lacrime a distanza, oggi Arianna, nonostante tutto, è felice.