E' IL FOLIGNATE GIOVANNI GUIDI IL MIGLIOR TALENTO JAZZISTICO 2007

share

È di Foligno il miglior nuovo talento jazzistico italiano del 2007. Giovanni Guidi, pianista, è stato infatti premiato dalla prestigiosa rivista internazionale Musica Jazz superando il giudizio di oltre, 60 critici e giornalisti musicali. Giovanni Guidi da tempo suona e lavora insieme ad Enrico Rava. L’iniziativa fa parte del famoso “Top Jazz”, atteso dagli appassionati, dai protagonisti e da chiunque operi nel settore jazzistico, ed è annualmente organizzata, già dal 1982, da Musica Jazz, rivista specializzata in questo particolare genere musicale. Ecco dunque che, a pagina 5 dell’inserto “Top Jazz” contenuto nel primo numero del 2008 di Musica Jazz, tra i grandi jazzisti italiani del 2007, decretati dagli esperti, accanto a nomi di caratura internazionale quali Paolo Damiani, Enrico Rava, Stefano Bollani, Dino Beti, Daniele D’Agaro, Gianluca Petrella, Roberto Gatto e Roberto Cecchetto, in qualità di vincitore della categoria “miglior nuovo talento 2007” compare il giovane pianista umbro Giovanni Guidi, che è anche compositore di affermati brani musicali. Appresa la notizia, il sindaco di Foligno, Manlio Marini, avendo anche avuto occasione di ascoltare alcune sue esecuzioni, si è personalmente complimentato con Guidi “per il grande tributo di merito nazionale assegnatogli in campo jazzistico” e gli ha augurato “meritati successi professionali per il presente e per l’avvenire”. Folignate di nascita, 22 anni, Guidi, a dispetto della giovanissima età, già collabora con Enrico Rava; è membro dei quartetti di Mauro Negri e di Lello Pareti ed è leader del Giovanni Guidi Trio. Si è esibito nei più importanti festival jazz di Europa, Umbria Jazz incluso, riscuotendo ovunque unanimi consensi. Nel 2006 ha pubblicato con la famosa casa giapponese Venus il CD “Tomorrow never knows”, recensito con 5 stelle dal mensile specializzato Swing Journal, mentre nel febbraio del 2007 per la Cam Jazz ha inciso in quartetto il CD “Indian Summer”. Ragazzo estremamente semplice, socievole e al tempo stesso di carattere schivo, Giovanni Guidi si è detto soddisfatto per il prestigioso riconoscimento attribuitogli da Musica Jazz e di considerare tale risultato come “un ulteriore stimolo per migliorarsi in campo musicale, dove non si finisce mai di apprendere e di essere creativi”.

share

Commenti

Stampa