Coronavirus, lunedì riaprono bar e ristoranti: primo ok all'esenzione Tosap

Coronavirus, lunedì riaprono bar e ristoranti: primo ok all’esenzione Tosap

Redazione

Coronavirus, lunedì riaprono bar e ristoranti: primo ok all’esenzione Tosap

Approvato in Commissione l'ordine del giorno di Francesca Tizi (M5s)
Gio, 14/05/2020 - 12:34

Condividi su:


Mentre bar e ristoranti perugini si preparano da lunedì 18 maggio a riaprire le proprie attività ai clienti secondo i protocolli Inail, in Comune si studia una possibile esenzione per la Tosap.

La II Commissione ha approvato all’unanimità l’ordine del giorno presentata dal capogruppo del Movimento 5 stelle, Francesca Tizi.

Sono molto soddisfatta dell’approvazione all’unanimità in II Commissione del mio odg, presentato al momento della ripresa dell’attività consigliare all’inizio di aprile, – commenta l’esponente pentastellata – perché lo ritengo un gesto dell’amministrazione comunale molto importante per aiutare una categoria in difficoltà a causa della pandemia”.

È ragionevole stimare che l’attuale crisi produrrà ingenti perdite di fatturato nel settore del commercio. Fra le categorie più penalizzate dalla chiusura generalizzata del sistema produttivo legato al commercio e al turismo, senza dubbio ci sono i pubblici esercizi (bar e ristoranti). E poiché è ormai chiaro a tutti che, almeno per qualche tempo, dovremo convivere con il Coronavirus, è importante al momento della riapertura delle attività, dotarsi di idonee misure di sicurezza. Che comunque aumentano i costi per queste strutture già segnate dalla prolungata chiusura e da una probabile riduzione di clientela.

Suolo pubblico gratuito o conesenzione

Ho proposto una misura specifica – spiega Tizi – per le attività della somministrazione alimenti e bevande: la richiesta diretta all’amministrazione comunale è quella di studiare un piano per concedere gratuitamente il suolo pubblico, attuando quanto si annuncia a livello statale o, in mancanza, cercando comunque di capire se vi sono spazi per l’esenzione“.

Aumentare gli spazi all’aperto

Ciò anche alla luce del piano particolareggiato a cui sta lavorando il Comune, con l’obiettivo di raddoppiare gli spazi esterni di bar e ristoranti, senza spese aggiuntive per i titolari.

Si tratta di un primo passo – commenta Tizi – che verrà completato con l’accoglimento dell’odg da me proposto. La logica è di recuperare quanto si perderà per effetto delle presumibili distanze che si renderanno necessarie ai fini della sicurezza. Il distanziamento – si stima – comporterà almeno il dimezzamento dei posti a sedere, pertanto l’aumento delle aree esterne sarà l’unica risposta atta a mitigare l’inevitabile dimezzamento dei volumi d’affari“.

Ma aumentare gli spazi concessi per l’esponente pentastellata non basta: “Occorre anche che l’istituzione comunale studi la possibilità di offrire un sostegno economico quale l’esenzione della Tosap. Un sostegno economico a tale settore è un segnale di attenzione e di vicinanza a piccoli imprenditori e negozianti nonché un contributo per ripartire quando l’emergenza sarà cessata e per rilanciare attività economiche fondamentali della città”.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Lascia i tuoi dati per essere tra i primi ad avere accesso alla Nuova Versione più Facile da Leggere con Vantaggi e Opportunità esclusivi!

true Cliccando sul pulsante dichiaro implicitamente di avere un’età non inferiore ai 16 anni, nonché di aver letto l’informativa sul trattamento dei dati personali come reperibile alla pagina Policy Privacy di questo sito.

"Innovare
è inventare il domani
con quello che abbiamo oggi"

Grazie per il tuo interesse.
A breve ti invieremo una mail con maggiori informazioni per avere accesso alla nuova versione più facile da leggere con vantaggi e opportunità esclusivi!